MERLO E VIGNALI (DGIT) DOMANI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “L'ITALIA DEL PÈRE-LACHAISE” A ROMA

MERLO E VIGNALI (DGIT) DOMANI ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO “L

ROMA\ aise\ - Valorizzare tramite una pubblicazione illustrata la memoria di 59 personaggi illustri italiani, o francesi di origine italiana, la cui sepoltura è locata presso il Cimitero Monumentale del Père-Lachaise, il più grande di Parigi intra muros e uno dei più celebri al mondo. È questo l’obiettivo del libro “L’Italia del Père Lachaise. Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie”, progetto culturale inedito promosso dal Comites di Parigi in collaborazione con il Consolato Generale d’Italia nella capitale francese e con il contributo della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie. Domani, 10 febbraio, avrà luogo a partire dalle 17.00 presso la sede dell’Ambasciata di Francia a Roma, la presentazione del libro che vedrà la partecipazione del Direttore Generale per gli Italiani all’Estero, Luigi Maria Vignali, della Console Generale d’Italia a Parigi, Emilia Gatto, del Presidente del Comites di Parigi, Vincenzo Cirillo, e, in conclusione, anche del Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Ricardo Merlo, introdotti da Christian Masset, Ambasciatore di Francia a Roma.
Numerose sono le personalità di prestigio che dall’Italia si sono stabilite in Francia, integrandosi nel paese di adozione e apportando un significativo contributo alla storia e alla cultura locale.
Per la maggioranza, i personaggi oggetto dell’iniziativa sono nati in Italia e si sono trasferiti in Francia in età adulta al fine di poter meglio esercitare la loro professione (musicisti, cantanti, artisti, pittori, ballerini, ecc.). Altri sono arrivati in Francia per motivi politici. Molti esiliati hanno trovato nuova vita e nuove opportunità di là delle Alpi. Alcuni hanno preso la cittadinanza francese, altri sono nati in Francia da genitori italiani, e - di fatto francesi - hanno mantenuto un legame molto forte con l'Italia e la lingua italiana. Altri ancora, infine, sono qui presi in considerazione per i forti legami che li uniscono all'Italia, come Georges Moustaki, la cui famiglia proveniva dalle isole di Corfù e Zante, ex territori della Repubblica di Venezia, o Maria Callas, celebre soprano greco-americana divenuta italiana per matrimonio, o, ancora, Gioacchino Murat, ex Re di Napoli. (aise) 

Newsletter
Archivi