MIGRANTI DI OGGI, MIGRANTI DI IERI

MIGRANTI DI OGGI, MIGRANTI DI IERI

ROMA – focus/ aise - Lo scultore e professore Dionisio Cimarelli è stato insignito del "Marchigiano dell'anno nel mondo". La cerimonia è prevista al Senato della Repubblica, Sala Capitolare Piazza della Minerva, Roma, il 30 maggio alle 17. Il premio è un prestigioso riconoscimento ai "Marchigiani" che si sono particolarmente distinti nel campo della cultura, dell'economia, dell'arte, della ricerca, dell'imprenditoria e del sociale. L'evento è sponsorizzato dal CESMA, Centro Studi Marche (Giuseppe Giunchi)a Roma, Italia. Dionisio Cimarelli è uno scultore di fama internazionale, nato a Jesi in provincia di Ancona. Attualmente è Docente di scultura al corso di Master presso la New York Academy of Art facoltà fondata da Andy Warhol nel 1980 e alla The Art Students League of New York dove hanno studiato molti tra i più importanti artisti statunitensi del XX secolo. Dionisio Cimarelli ha numerosi anni di esperienze internazionali tra cui nove in Cina, dove ha realizzato una scultura monumentale di Matteo Ricci per il Padiglione ITALIA presso la Shanghai World EXPO 2010.
Nessuna premiazione ma ugualmente un grande successo per il primo incontro, avvenuto tra il 3 e il 5 maggio, della rete dei giovani di origini emiliano-romagnole residenti a Cordoba, Pergamino, Mar del Plata e Chaco, che si è denomina GERA, “giovani emiliano-romagnoli in Argentina”. Lo scopo dell'incontro è stato la realizzazione del progetto “Incubatore di legami tra i giovani di origine emiliano-romagnoli. Rete virtuale di formazione, lavori, mostre e gare sportive che include giovani con particolare attenzione all’inclusione dei disabili”, realizzato con il contributo della Consulta degli Emiliano-Romagnoli nel Mondo, Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.
Tante le proposte che sono emerse per la gestione della rete e della community e per lo sviluppo di iniziative per i giovani in futuro.
Per ora, dunque, non resta che augurare in bocca al lupo ai ragazzi e restare in attesa di aggiornamenti futuri.
Dai migranti di oggi a quelli di ieri, con un pomeriggio dedicato alle storie dei migranti italiani negli Usa. Questo sabato, la Dante Alighieri del Massachusetts ha organizzato “Sacco & Vanzetti. Storie d’immigrazione italiana negli Stati Uniti”. Al centro del pomeriggio – durante il quale è stato proiettato anche un documentario ed è stato possibile visitare una mostra fotografica allestita alla Dante – un dibattito con Giovanni Cerchia (Università degli Studi del Molise), Augusto Ferraiuolo (Boston University), Antonio Leuzzi (Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Eugenio Marino (autore) e James S. Pasto, (Boston University).
È seguito “Voci del passato: Songs and letters from past to present”, performance con gli attori Alessandro Di Gioia e Chiara Durazzini, il tenore Giovanni Formisano, la soprano Olga Lisovskaya accompagnati al piano da Bradley Pennington. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi