PERMANENT RESIDENCE E SETTLED STATUS: TUTTI I DUBBI SFATATI DAGLI ESPERTI - DI GABRIELLA BETTIGA

PERMANENT RESIDENCE E SETTLED STATUS: TUTTI I DUBBI SFATATI DAGLI ESPERTI - di Gabriella Bettiga

LONDRA\ aise\ - “La data 29 marzo 2019 avrebbe dovuto essere sinonimo di Brexit. Sappiamo bene che questo non è avvenuto e forse il nuovo Brexit-day cadrà ad Halloween, il 31 ottobre di quest’anno. Ma il 29 marzo è comunque stata una data significativa per gli europei residenti in UK, in quanto si è ufficialmente aperto il sistema per fare domanda di settled e pre-settled status, che fino al giorno prima era ancora in fase sperimentale. Due mesi dopo, ci sono ancora molti dubbi su cosa vada fatto, ed oggi cercheremo di scioglierne alcuni che sembrano essere piuttosto comuni”. A scrivere è Gabriella Bettiga, avvocato esperto in materie di immigrazione presso lo Studio Legale Sliglaw LLP, che firma questo articolo per “LondraItalia.com”, quotidiano online diretto da Francesco Veronesi.
È vero che la permanent residence garantisce uno status “più forte” del settled status?
Non è così. La permanent residence può essere ancora richiesta ma dovrà comunque essere sostituita dal settled status entro il 30.06.2021 se il Regno Unito uscirà dall’UE con un accordo o entro il 31.12.2020 se uscirà senza un “deal”.
La differenza tra permanent residence e settled status è che la prima è un diritto che si acquisisce automaticamente dopo aver vissuto in UK per cinque anni consecutivi durante i quali si è studiato, lavorato, cercato lavoro o si era economicamente autosufficienti; il settled status invece è un permesso di soggiorno che deve essere richiesto all’Home Office ed è regolamentato da leggi nazionali e non europee.
Anche se la permanent residence si acquisisce automaticamente, per poter fare domanda di cittadinanza britannica per naturalizzazione dovrete richiedere il certificato che dimostra appunto l’acquisizione della permanent residence.
Posso fare domanda di settled status se ho la permanent residence, e viceversa?
Fino alla fine del 2020 (o fino a giugno 2021) il settled status e la permanent residence possono coesistere. L’aver ricevuto il settled status non vi impedisce di utilizzare il vostro certificato di permanent residence, ad esempio per presentare domanda di cittadinanza britannica per naturalizzazione.
Ho sia la cittadinanza italiana che quella britannica, devo fare domanda di settled status?
No. I cittadini britannici non possono fare domanda di settled status. Questo può sembrare ovvio, ma in realtà può creare problemi a chi ha acquisito la doppia cittadinanza ed intende far entrare in UK un coniuge o familiare extra-europeo. Non avendo accesso al settled status, si potrà solo seguire la procedura ai sensi delle regolamentazioni europee, che comunque sono ancora in vigore.
Vivo in UK da moltissimi anni ed ho un timbro sul passaporto che dice “indefinite leave to remain”. Devo fare domanda di settled status?
Chi può dimostrare di avere ottenuto un permesso a tempo indeterminato e cioè indefinite leave to enter o indefinite leave to remain, non ha bisogno di fare domanda di settled status, ma può farla se desidera avere un documento aggiornato. Ricordiamo però che il settled status è solo online e non comporta il rilascio di alcun documento cartaceo.
Devo fare domanda di settled status anche se sono sposata con un cittadino britannico?
Sì, la domanda va fatta comunque. L’avere un coniuge britannico non comporta esenzione.
Ho qualche piccolo precedente penale, mi daranno il settled status?
Il settled status verrà quasi certamente rifiutato a persone contro cui esiste un ordine di deportazione o di esclusione in corso. è molto probabile che verrete rifiutati anche se esiste una decisione di rimuovervi dal Regno Unito per aver abusato dei diritti garantiti dalla direttiva europea 2004/38, la direttiva che garantisce la libera circolazione nell’UE (ad esempio avete contratto un falso matrimonio per far ottenere un visto ad un cittadino extra-europeo).
Altri precedenti penali vanno sicuramente dichiarati quando si fa domanda di pre-settled o setteld status, ma non dovrebbero creare problemi, specie se piuttosto vecchi.
State molto attenti a non fare errori quando presentate la domanda di settled status. Infatti se nell’ambito della domanda verranno fornite informazioni false o ingannevoli, o presentati documenti non autentici, potreste essere rifiutati, anche se non eravate a conoscenza che un certo documento fosse falso o che alcune informazioni fossero errate”. (aise) 

Newsletter
Archivi