PESCA, AGRICOLTURA E PIADINE: REGIONE EMILIA-ROMAGNA PUNTA AI MERCATI ESTERI

PESCA, AGRICOLTURA E PIADINE: REGIONE EMILIA-ROMAGNA PUNTA AI MERCATI ESTERI

BOLOGNA\ aise\ - C’è chi voleva chiamarla “riminese”, chi “di Cervia”, ma alla fine, quando nel 2014 le è stato riconosciuto il marchio IGP, è diventata universalmente la Piadina Romagnola. Si tratta di un’eccellenza made in Emilia-Romagna conosciuta e venduta in tutta Europa, Repubbliche Baltiche e Russia, in Canada e in USA e prodotta dal Consorzio che riunisce le aziende delle zone fra le provincie di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e Bologna fino al fiume Sillaro. E proprio dal Consorzio della Piadina Romagnola IGP, e dall’incontro col suo presidente, Alfio Biagini, con alcuni produttori, è partito il viaggio nel territorio riminese dell’assessore all’Agricoltura di Regione Emilia-Romagna, Alessio Mammi, finalizzato a lanciare un messaggio importante di sinergia tra le Dop e le Igp della Romagna, e per spronarsi a fare rete e valorizzarsi al meglio sul mercato interno ed esterno.
Poi, l’impegno regionale, è virato anche sul Marcato ittico di Rimini, cuore pulsante della prima commercializzazione della produzione ittica locale, e non solo, dove transita anche il pesce di provenienza nazionale ed estera, l’assessore ha ascoltato la voce del comparto durante un incontro con il presidente della cooperativa Lavoratori del Mare, Giancarlo Cevoli, a cui hanno partecipato anche i rappresentanti di Legacoop e Confcooperative, l’assessore alla Blue Economy del comune di Rimini, Anna Montini e la consigliera regionale, Nadia Rossi.
Uno scambio proficuo per ribadire il sostegno e l’impegno dell’assessorato regionale all’Agricoltura al comparto della pesca ittica locale, ma anche per rinnovare l’invito a un lavoro di squadra tra le istanze del distretto dell’Alto Adriatico, un’alleanza fondamentale per raggiungere risultati comuni e capaci di valorizzare le straordinarietà di un mestiere così prezioso e antico.
È dal 1965 infatti che la Cooperativa Lavoratori del Mare gestisce il mercato di Rimini, offrendo una serie di servizi agli operatori marittimi: dalla fornitura di ghiaccio al magazzinaggio, dal facchinaggio alla depurazione e successiva spedizione dei molluschi bivalve.
La giornata dell’assessore è terminata con la visita all’azienda agricola Fungar di Coriano, assieme al presidente Confagricoltura, Carlo Carli, al direttore Coldiretti, Giorgio Ricci, al presidente Coldiretti Rimini, Guido Cardelli e al vice presidente CIA Romagna, Lorenzo Falcioni. È un’Organizzazione di Produttori (OP) di funghi dell’Emilia-Romagna, specializzata nella produzione di prataioli e pleurotus, una realtà che valorizza una filiera tutta Made in Italy e che ha costituito un consorzio gbc funghi delle terre di Romagna con sei soci. (aise) 

Newsletter
Archivi