POESIA FESTIVAL 2018: IN EMILIA TRA VERSI LECTIO E MUSICA

POESIA FESTIVAL 2018: IN EMILIA TRA VERSI LECTIO E MUSICA

MODENA\ aise\ - Ancora una volta il Poesia Festival invade pacificamente la provincia modenese che si adagia ai piedi del primo Appennino con la sua quattordicesima edizione. Da domani, mercoledì 19, e fino a domenica, 23 settembre, nove comuni del modenese sono lo scenario per l’ormai tradizionale rassegna d’inizio autunno dedicata alla poesia e alle sue contaminazioni con le altri arti. Un coro di voci diverse che testimoniano quanto la poesia sia uno strumento prezioso e malleabile, in grado di parlare alle donne e agli uomini del nostro tempo.
Domani la manifestazione prende ufficialmente il via presso il Teatro Ermanno Fabbri di Vignola, in provincia di Modena, alle ore 21.00. L’inaugurazione è affidata a una lettura di Giuliano Scabia: dagli anni Sessanta fino ad oggi, la parola drammaturgica incontra la poesia nei suoi versi e nelle sue letture pubbliche, seguita da una lezione dello storico della letteratura Giulio Ferroni, sul cui manuale scolastico si sono formati migliaia di studenti. A chiudere la serata, presentata dalla giornalista Miriam Accardo, sarà il concerto di Angelo Branduardi in duo con Fabio Valdermarin. Unica nel suo genere, la colta musica?di Branduardi ha ottenuto il successo internazionale grazie a una coraggiosa mescolanza di musica popolare, barocca e rinascimentale, con incursioni nella musica etnica di tutto il mondo, unendo suggestioni che vanno dagli indiani d’America ai versi dei più grandi poeti del Novecento. L’inaugurazione di Poesia Festival è promossa da Hera.
Nei prossimi giorni la manifestazione avrà come protagonisti, nei prossimi giorni, grandi nomi come i poeti Livia Chandra Candiani, Valerio Magrelli, Giancarlo Pontiggia, Bianca Maria Frabotta, Daniela Attanasio, Marcello Fois, Paolo Fabrizio Iacuzzi, Renzo Paris, Roberto Pazzi, Enrico Testa, Giovanna Vivinetto, artisti come James Senese, Fabio Concato e il rapper Ghemon e grandi intellettuali come Marzio Barbagli concorreranno a dar voce al nostro tempo in una cornice che è uno dei grandi repertori di bellezza, arte, gastronomia ed eccellenze produttive del nostro Paese.
L’iniziativa coinvolgerà l’Unione Terre di Castelli, ovvero i comuni ci Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Marano sul Panaro, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola, Zocca e Guiglia, cui si aggiunge il comune di Castelfranco Emilia.
Promossa dall’Unione stessa Terre di Castelli, insieme a Fondazione di Vignola, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e Regione Emilia-Romagna, con la collaborazione di ERT, Università di Bologna e Arci Modena, la rassegna è organizzata dall’Associazione Laboratorio Musicale del Frignano.
Per informazioni e dettagli sul programma www.poesiafestival.it. (aise)


Newsletter
Archivi