REGIONI MIGRANTI

REGIONI MIGRANTI

ROMA – focus/ aise – Il programma operativo dell'ormai imminente appuntamento del CRAM, che si svolgerà in Australia da domani al 31 gennaio, è stato al centro della riunione, la settimana scorsa a Pescara, dell'Osservatorio per l'Emigrazione, organo partecipativo disciplinato dalla legge regionale n. 47 del 2004 di istituzione del Consiglio regionale degli abruzzesi nel mondo, presieduto dal consigliere delegato Antonio Innaurato.
Tra i numerosi argomenti affrontati nel corso della riunione, è emerso il soddisfacimento per gli obiettivi raggiunti, compresa l'organizzazione della trasferta australiana, senza intaccare minimamente la disponibilità del budget dell'annualità 2020.
Dalla discussione è emersa la disponibilità da parte di tutti gli attori interessati ad affrontare con rinnovato entusiasmo il tema sempre più centrale dell'emigrazione, o per meglio dire della nuova emigrazione, capace di coinvolgere trasversalmente più settori, dall'economia al sociale.
Inoltre si è deciso di strutturare l'Osservatorio in commissioni di lavoro che si occuperanno di tematiche circoscritte (cultura, commercio, sociale, ecc.) permettendo ai rappresentanti delle associazioni di affrontare in maniera più approfondita le numerose e diverse esigenze degli abruzzesi all'estero e di quelli che decidono di rientrare nei confini regionali dopo una vita passata in territori stranieri. L’Assessore al lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale della Regione autonoma della Sardegna, Alessandro Zedda, ha convocato invece per lo scorso 24 gennaio, alle ore 8.45 presso la Sala Riunione dell’Ufficio di Gabinetto, all’interno dell’Assessorato Regionale del Lavoro, la Consulta Regionale per l’Emigrazione.
Gli ordini del giorno sono stati, elezione del Comitato di Presidenza, il Programma annuale per l’emigrazione 2020-22, il piano triennale per l’emigrazione 2020-22 e varie ed eventuali. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi