SCOMPARSO IN NORVEGIA IL MUSICISTA PAOLO VINACCIA: IL DOLORE DELL’AMBASCIATA D’ITALIA

SCOMPARSO IN NORVEGIA IL MUSICISTA PAOLO VINACCIA: IL DOLORE DELL’AMBASCIATA D’ITALIA

OSLO\ aise\ - Si è spento venerdì scorso, 5 luglio, all’età di 65 anni, il percussionista, batterista e compositore Paolo Vinaccia. A darne la notizia è l’Ambasciata d’Italia a Oslo che lo ricorda come "uno straordinario rappresentante della cultura musicale jazz italiana in Norvegia".
Arrivato nel Paese nel 1979, per quarant’anni Paolo ha suonato e collaborato con centinaia di artisti registrando e realizzando oltre trecento brani e composizioni non soltanto per musica jazz, ma anche in altri generi musicali.
Martedì scorso Paolo, che già nel 1997 aveva ottenuto un premio Gammleng, ha ricevuto dall’Oslo Jazz Festival il premio alla carriera Ellaprisen. Il premio avrebbe dovuto essere consegnato durante il concerto d’apertura del Festival a metà agosto, ma il peggioramento delle condizioni di salute del musicista hanno indotto la giuria a recarsi personalmente a casa di Paolo e consegnargli il premio in anticipo.
Innumerevoli sono le parole di elogio ed apprezzamento espresse su Paolo Vinaccia da esperti e fan nella stampa e sui social media, elogio ed apprezzamento che l’Ambasciata aggiunge di condividere "pienamente".
"Con la scomparsa di Paolo, il mondo musicale norvegese e tutti noi abbiamo perso un grande artista e un grande professionista", sottolinea ancora l’Ambasciata, "ma anche un uomo che, in aggiunta alle sue doti artistiche, si contraddistingueva per il suo calore umano e la sua generosità".
La rappresentanza diplomatica italiana in Norvegia rivolge infine le "più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Paolo in Norvegia e in Italia". (aise)


Newsletter
Archivi