VITA D’AMBASCIATORE

VITA D’AMBASCIATORE

ROMA – focus/ aise - L’Italia partecipa con una numerosa delegazione all’edizione 2020 di Colombiatex, il principale incontro del settore meccano-tessile in Colombia, che si chiude oggi a Medellin. Grazie all’organizzazione dell’ufficio Ice di Bogotá con il supporto di ACIMIT, ben 15 aziende hanno potuto promuovere i loro prodotti, dando un importante risalto all’eccellenza e all’elevato know-how italiani nonché al Made in Italy.
L’Ambasciatore italiano in Colombia, Gherardo Amaduzzi, ha visitato lo stand Italia assieme al Console Onorario a Medellin Roberto Rossetti, all'ex Presidente di ACIMIT Raffaella Carabelli, al Direttore di Bogotá di ITA-Agenzia Riccardo Zucconi e al Presidente di Inexmoda Carlos Botero, che ha consegnato a Zucconi un riconoscimento per le azioni svolte dall’Ufficio Ice negli ultimi anni per assicurare una sempre importante presenza italiana a Colombiatex.
In occasione della fiera, l’Ambasciatore Amaduzzi ha anche incontrato il Sindaco di Medellin, Daniel Quintero.
L'ambasciatore d’Italia in Bulgaria, Stefano Baldi, ha partecipato all'evento di presentazione "Insegnare l'arte e la cultura in cucina: valori, tradizioni e formazione professionale. Piano di attività 2020", che si è tenuto il 20 gennaio nel magnifico scenario della Galleria Nazionale dei Tesori a Sofia.
Maurizio Ferreri di Ferrerigroup Bulgaria, responsabile della sezione Bulgaria della Federazione Italiana Cuochi e della European School for Sommeliers - International, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, ha illustrato le attività previste per l'anno appena iniziato.
Si è poi discusso dell'importanza della dieta mediterranea, del magnifico connubio vino-cibo e della valorizzazione della figura dello chef. Inoltre sono stati dati consigli utili sulla preparazione dei piatti tipici della cucina italiana. Infine, L’Ambasciatore d’Italia a Sarajevo, Nicola Minasi, è stato ricevuto mercoledì scorso dal nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia Erzegovina, Zoran Tegeltija.
L’incontro, riporta l’Ambasciata, ha fornito l’occasione per discutere dell’eccellente stato delle relazioni bilaterali tra i due Paesi e per passare in rassegna alcuni dei temi di maggiore attualità e di mutuo interesse.
In questa occasione, Minasi ha ricordato in primo luogo la determinazione dell’Italia a sostenere il percorso di integrazione europeo della Bosnia Erzegovina e ad accompagnare il Paese nel processo di riforme indicato dalla Commissione Europea per l’apertura dei negoziati di adesione all’Unione Europea.
Obiettivo comune dei due Governi – ricordano da Sarajevo – è quello di rafforzare la cooperazione in tutti i settori, politico, strategico, sociale ed economico.
Dal punto di vista commerciale, anche nel 2019 l’Italia si è confermata secondo partner della Bosnia Erzegovina e sono circa 70 le imprese italiane attive su tutto il territorio della Bosnia Erzegovina, che offrono possibilità di lavoro ad oltre 12.000 cittadini bosniaci. Tale presenza – ha sottolineato il Presidente Tegeltija – è accolta con grande favore dalle Istituzioni e dai cittadini della Bosnia Erzegovina e può essere ulteriormente sostenuta e rafforzata.
L’Italia continuerà ad offrire alla Bosnia Erzegovina ogni sostegno per le riforme politiche ed economiche per gli anni a venire. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi