VITA D’AMBASCIATORE

VITA D’AMBASCIATORE

ROMA – focus/ aise - La Residenza dell’Ambasciatore d’Italia Mario Sammartino ha ospitato nei giorni scorsi una serata per valorizzare il contributo della presenza imprenditoriale italiana a Malta, alla presenza del Ministro dell’Energia Michael Farrugia e di numerose personalità maltesi nonché rappresentanti di alcune aziende italiane sull’Isola.
Durante l’evento, riporta l’Ambasciata, Sammartino ha consegnato l’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia conferito alla Baronessa Christiane Ramsay Scicluna, appartenente ad una nobile famiglia maltese. La Baronessa vanta un forte legame con l’Italia che risale ai suoi primi studi svolti a Firenze e alla carriera in Alitalia. Notevole – spiega l’Ambasciata – il suo impegno a promuovere l’enogastronomia italiana a Malta: spicca la trasformazione di uno storico palazzo maltese in una casa-museo che accoglie un ristorante di eccellenza gastronomica italiana.
Palazzo Parisio è, infatti, una vetrina dell'Italia e costituisce un esempio significativo di un giardino all’italiana, l’unico fuori dell’Italia ad essere inserito nella rete di Grandi Giardini Italiani. Il forte legame, anche affettivo, con l'Italia ha indotto la Signora a facilitare in molteplici occasioni l'organizzazione di eventi promozionali italiani.
L’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana è stata consegnata anche a Luciano Micallef, uno dei più rinomati artisti maltesi.
Micallef è sempre stato legato all’Italia, Paese dove ha compiuto i primi studi, specializzandosi poi in importanti accademie quali la Pietro Vannucci a Perugia e l’Accademia di Belle Arti di Firenze.
“La passione per il nostro Paese traspare chiaramente in tutta la sua arte che contribuisce ad arricchire il panorama artistico-culturale locale valorizzando lo storico legame italo-maltese”, sottolineano da Valletta. “Notevolissima la sua collaborazione con l’Ambasciata e con l’Istituto di Cultura e oggettivamente rilevantissimo il contributo che l’artista continua a fornire quale ponte culturale tra i nostri due Paesi”.
Ambasciatore italiano in Argentina, Giuseppe Manzo ha incontrato la scorsa settimana il Ministro dell'Istruzione argentino Nicolás Trotta per lavorare alla pianificazione della nuova agenda di cooperazione nel campo dell'Istruzione.
Rafforzare la cooperazione a livello universitario, rilanciare nuovi programmi di borse di studio, promuovere scambi di studenti, programmi di lingua italiana e creare opportunità di formazione per gli insegnanti di entrambi i Paesi – spiega l’Ambasciata – sono solo alcuni degli aspetti che sono stati discussi.
L'istruzione è, senza dubbio, un campo di fondamentale importanza per entrambi i Paesi, dove nuovi progetti e nuove idee per il futuro hanno preso forma nell'ambito di un eccellente rapporto di cooperazione bilaterale.
L’Ambasciatore d’Italia a Mosca Pasquale Terracciano ha consegnato l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia conferita dal Presidente Mattarella a Constantin Andricopoulos, Direttore Sviluppo del Gruppo Bosco di Ciliegi, durante una cerimonia il 2 marzo scorso a Villa Berg, sede dell’ambasciata italiana in Russia.
Andricopoulos, grande sostenitore e amante del Made in Italy, ha contribuito alla diffusione nel territorio della Federazione di prestigiosi marchi della moda italiana, collaborando con oltre 150 fornitori. “Constantin Andricopoulos – ha sottolineato l’Ambasciatore Terracciano nel suo discorso – ha sempre contribuito con generosità e passione a sostenere e promuovere l’immagine del nostro Paese in Russia”.
Ambasciatore italiano ad Abu Dhabi, Nicola Lener, accompagnato dalla Console Generale a Dubai Valentina Setta, ha incontrato a Dubai Massimo Falcioni, CEO di ECI (Etihad Credit Insurance). Al centro dell’incontro, riporta l’ambasciata, un dialogo produttivo sui modi per migliorare il commercio e gli investimenti, aumentare le opportunità e rafforzare le economie di Emirati Arabi Uniti e Italia.
A seguito della firma del MOU, gli Emirati Arabi Uniti hanno incoraggiato inventori, le startup e le PMI sia negli Emirati Arabi Uniti che in Italia a impegnarsi tra loro in tutti i settori individuati nell'accordo. Ciò include settori chiave della strategia nazionale per l'innovazione degli Emirati Arabi Uniti, quali l'assistenza sanitaria, l'istruzione, la tecnologia, i trasporti, l'aerospaziale, l'acqua e le energie rinnovabili oltre ai settori chiave italiani che includono ingegneria meccanica, la tecnologia finanziaria, la biotecnologia e la farmaceutica. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi