"LIBERE": MOSTRA TUTTA AL FEMMINILE ALL’IIC DI BELGRADO

"LIBERE": MOSTRA TUTTA AL FEMMINILE ALL’IIC DI BELGRADO

BELGRADO\ aise\ - "Libere" è il titolo di una mostra inaugurata all'Istituto Italiano di Cultura di Belgrado e che presenta le opere di tre giovani e promettenti artiste serbo-croate: i dipinti di Mina Radovic, le sculture di Katarina Pavlovic - entrambe belgradesi - e le fotografie di Maja Planinac, croata di Pola.
Un'esposizione al femminile aperta significativamente il 10 marzo, nel 70° anniversario del diritto di voto concesso alle donne in Italia. E quasi in coincidenza con l'8 marzo Giornata internazionale della donna. Elementi questi sottolineati nella cerimonia di apertura della mostra, organizzata da Confindustria Serbia e dall'Istituto Italiano di Cultura.
L'evento ha voluto segnare l'avvio di una collaborazione fra le due istituzioni, che nei rispettivi campi contribuiscono all'affermazione e alla promozione dell'impresa e della cultura dell'Italia in Serbia. All'inaugurazione - cui ha fatto seguito un aperitivo offerto da alcune aziende associate a Confindustria Serbia - sono intervenuti l'ambasciatore d'Italia a Belgrado, Giuseppe Manzo, il presidente di Confindustria Serbia, Erich Cossutta, ed il direttore dell'Istituto Italiano di Cultura, Davide Scalmani.
Maja Planinac, Katarina Pavlovic e Mina Radovic sono tre giovani artiste serbe. Ai loro freschi sguardi si offre il mondo di oggi filtrato da idee, emozioni e riflessioni cui vale la pena di dare spazio per cercare di capire il loro rapporto con il nostro tempo. Una fotografa, una scultrice e una pittrice. Le loro opere sono qui davanti ai nostri occhi, libere di raccontarsi attraverso il linguaggio artistico e poetico.
"Libere", titolo che richiama lo spirito di spontanea collaborazione a cui la mostra collettiva si ispira, intende dare espressione alla volontà di creare e sognare, di lottare e cambiare, in una parola, di innovare, di tre artiste. C’è molta storia dell’arte italiana e europea nella loro formazione artistica, ma ciò che più conta è la loro capacità di produrre quel valore che dà senso alla promozione culturale come ad ogni altra intrapresa umana. (aise) 

wer54w66sf32re2
Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli