ABM: “GHOLAM IL MIO AFGHANISTAN” DI MARCO AGOSTINELLI COMMUOVE A BELLUNO

ABM: “GHOLAM IL MIO AFGHANISTAN” DI MARCO AGOSTINELLI COMMUOVE A BELLUNO

BELLUNO\ aise\ - Grande successo per la presentazione di “Gholam; Il mio Afghanistan”, il film di Marco Agostinelli basato sulle vicende di Gholam Najafi, che ha colpito e commosso il pubblico presente nella sede dell'Associazione dei bellunesi nel mondo nei giorni scorsi.
Il docufilm, infatti, narra l'esperienza di un ragazzo, Gholam, fuggito dall'Afghanistan a soli dieci anni dopo aver visto il padre ucciso dai talebani. In un lungo viaggio di sei anni attraversa Pakistan, Iran, Turchia, Grecia, Bulgaria e arriva a sedici anni in Italia, a Porto Marghera. Prima dell'approdo il suo percorso è costellato dalle difficoltà, tra botte, carcere e lavori durissimi per pagare i contrabbandieri che lo fanno sconfinare clandestinamente. Gholam lotta e non si arrende, tanto che oggi, superata la tempesta, è un giovane scrittore con due lauree a Ca' Foscari.
Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro, “Il mio Afghanistan”, da cui il film prende ispirazione. A ottobre, invece, uscirà il suo secondo lavoro “Il tappeto Afghano”. Una storia di integrazione a lieto fine, che l’Abm ha anche proposto agli studenti del Liceo Lollino di Belluno.
Anche qui la presenza del protagonista Gholam Najafi e del regista Marco Agostinelli è stata accolta con grande partecipazione dai ragazzi.
Al termine della serata all'Associazione di bellunesi nel mondo, il presidente Oscar De Bona e la vice Patrizia Burigo hanno consegnato ai due ospiti il “Premio per l'inclusione”. (aise) 

Newsletter
Archivi