AD ALGERI UNA GIORNATA DI STUDI SUL PATRIMONIO CULTURALE: IL DIRETTORE DELL’IIC BATTAGLIA PRESENTA "ITALIA, CULTURE, MEDITERRANEO"

AD ALGERI UNA GIORNATA DI STUDI SUL PATRIMONIO CULTURALE: IL DIRETTORE DELL’IIC BATTAGLIA PRESENTA "ITALIA, CULTURE, MEDITERRANEO"

ALGERI\ aise\ - Nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio, il 26 febbraio l’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura ad Algeri hanno organizzato, in collaborazione con il Ministero algerino della Cultura e il Centro Nazionale di Ricerca Archeologica, una giornata dedicata al patrimonio culturale, dal titolo "Promozione & Valorizzazione".
Alla presenza del Ministro della Cultura algerino, Azzedine Mihoubi, nonché delle principali testate giornalistiche ed emittenti televisive in lingua araba e francese e di un foltissimo pubblico che ha gremito il Palazzo della Cultura – Moufdi Zakaria di Algeri, la giornata si è articolata in due sessioni: la prima dedicata alla cooperazione italo-algerina e la seconda incentrata sulla valorizzazione e la salvaguardia del patrimonio culturale. Molto apprezzata la partecipazione di esperti italiani provenienti dal Centro Nazionale di Ricerca di Roma, dal Politecnico di Milano, dall’ISCR, dall’ICCROM, dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, nonché di archeologi e direttori dei musei algerini. Inoltre, nel corso della conferenza, è stato proiettato il video di Altair4 Multimedia "Roma antica e Pompei in 3D", con ricostruzioni virtuali di siti archeologici italiani, a cura di Alessandro Furlan.
Nel suo intervento il ministro della Cultura, Azzedine Mihoubi, ha auspicato il rafforzamento della cooperazione nel settore della protezione del patrimonio e dello sviluppo della ricerca archeologica, anche con l’obiettivo di incrementare anche il volet turistico.
La giornata è stata inoltre l’occasione per presentare in anteprima il programma integrato "Italia, Culture, Mediterraneo", parte del piano straordinario "Vivere all'Italiana", con l’intenzione specifica di consolidare il dialogo tra le due rive del Mediterraneo, fondato sullo scambio e la valorizzazione di identità diverse, combinando tradizione, innovazione e creatività.
Il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Maria Battaglia, ha illustrato i numerosi eventi previsti, tutti di grande rilievo artistico: dalla musica di Eugenio Bennato e dell’Orchestra di Piazza Vittorio agli spettacoli teatrali "Alì Piccinin, Pascià di Algeri", "Arlecchino, servitore di due padroni" e "Quando gli emigrati eravamo noi", passando per la fotografia di Mimmo Jodice, la danza di Liliana Cosi, nonché le rassegne periodiche nel quadro della Giornata Mondiale del Design Italiano e della Settimana della Cucina Italiana.
Per promuovere l’iniziativa, sono stati presentati il video-racconto dell’evento di lancio del Programma ICM e il video del Programma ICM in Algeria. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi