AL CASTELLO DI PADERNA LA 4° EDIZIONE DI FRUTTI ANTICHI PRIMAVERA DEL FAI

AL CASTELLO DI PADERNA LA 4° EDIZIONE DI FRUTTI ANTICHI PRIMAVERA DEL FAI

PIACENZA\ aise\ - Sabato 12 e domenica 13 maggio, dalle 9 alle 19, si rinnova al Castello di Paderna a Pontenure (Piacenza) l’appuntamento con l’edizione di primavera di “Frutti Antichi”, rassegna di piante, fiori e fruttidimenticatie prodotti di alto artigianato, promossa dalFAI - Fondo Ambiente Italiano e realizzata in collaborazione con il Castello di Paderna e il Comitato FAI di Piacenza.
Protagonista della nuova edizione di “Frutti Antichi”, la quarta nella sua versione primaverile, è la biodiversità: i visitatori potranno scoprire rare specie floreali e arboree, antichi semi, colture ormai poco diffuse e conosciute, recuperate da agricoltori appassionati che lavorano per preservare e valorizzare la ricchezza dell’ecosistema.
La manifestazione, tra le più amate rassegne di florovivaismo in Italia, vedrà per due giorni, tra i giardini e gli spazi del Castello di Paderna, circa 130 espositori selezionati. Nel prato antistante il maniero sarà presente la zona mercato dove si troveranno primizie dell’orto, prodotti a km zero e produzioni alimentari tipiche del territorio.
Gli agricoltori saranno a disposizione per trasmettere la propria esperienza e condividere i segreti dell’orto e delle coltivazioni. Ampio spazio sarà riservato, inoltre, all’arredo da giardino, all’antiquariato e all’artigianato, espresso sia nelle forme della tradizione rurale sia in creazioni artistiche di particolare raffinatezza.
Il programma, ricco di eventi, tra cui conferenze, presentazioni di libri e laboratori, mette a confronto operatori del settore, studiosi e rappresentanti delle istituzioni provenienti da tutta Italia, all’insegna della valorizzazione dell’ambiente, della promozione di uno stile di vita più vicino alla natura e della salvaguardia del patrimonio genetico delle specie naturali che rischiano l’estinzione.
Api, farfalle e formiche saranno oggetto di conversazioni e progetti a cura delle Università di Piacenza e di Parma e di alcuni dei laboratori per i bambini, che si focalizzeranno sull’importanza degli insetti e sul ruolo che hanno nel contribuire al ciclo evolutivo dell’ecosistema.
I contributi raccolti in occasione dell’evento saranno destinati alla valorizzazione e al recupero dell’Orto delle Monache sul Colle dell’Infinito a Recanati (MC).
Il programma e le attività della due-giorni sono disponibili qui: www.fruttiantichi.net. (aise) 

Newsletter
Archivi