AL VIA LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA REPLICA DELLA PORTA DEL PARADISO DI LORENZO GHIBERTI DEL BATTISTERO DI FIRENZE

AL VIA LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA REPLICA DELLA PORTA DEL PARADISO DI LORENZO GHIBERTI DEL BATTISTERO DI FIRENZE

FIRENZE\ aise\ - Per la prima volta dopo quasi 30 anni, la replica della celebre Porta del Paradiso del Ghiberti del Battistero di Firenze sarà sottoposta ad una manutenzione straordinaria dall’Opera di Santa Maria del Fiore. I lavori sono iniziati questa settimana: diretti dall’Opera, si concentreranno prima su un’anta e poi sull’altra, permettendo così alle migliaia di turisti che ogni giorno si soffermano davanti alla Porta in bronzo e oro di continuare ad ammirarla. Il temine dei lavori è previsto per metà settembre.
La copia della Porta del Paradiso (8 tonnellate di peso, 5 metri e 10 cm di altezza per 3,10 di larghezza, profonda 12 cm) si trova sul Battistero dal 1990, quando l’originale fu rimosso per il restauro e poi esposto al Museo dell’Opera del Duomo per motivi di conservazione. Come l’originale è realizzata in bronzo e oro con le stesse tecniche che Ghiberti aveva usato 600 anni prima.
Un’impresa epocale. A fonderla fu Aldo Marinelli della Galleria Frilli grazie a dei calchi eseguiti al tempo del celebre restauro della Porta del Paradiso dopo la seconda guerra mondiale. Fu lo stesso Marinelli a convincere il mecenate giapponese Choichiro Motoyama (morto l’anno scorso) a finanziare la realizzazione della copia, che donò al tempo un miliardo di lire. Una volta fusa, la gigantesca Porta, del peso di 8 tonnellate, fu trasportata a Parigi per essere dorata con il metodo galvanico, in sostituzione di quello a mercurio “fuori legge” in Italia per la sua tossicità.
La manutenzione appena avviata, non un vero e proprio restauro, si è resa necessaria perché la Porta presenta gravi fenomeni di degrado causati dall’esposizione all’esterno e consentirà di rallentare gli inevitabili processi di deterioramento. Il bronzo presenta alterazioni e corrosioni, mentre la doratura, una volta brillante, è adesso offuscata dai depositi atmosferici. La coesione tra l’oro e il bronzo è, inoltre, indebolita e causa, in particolar modo sulle parti scultoree più esposte agli agenti atmosferici, il distacco e la perdita del sottile rivestimento d’oro.
La manutenzione consisterà in una serie di lavaggi alternati a pulitura chimica, a base di soluzioni acquose, così da rimuovere i prodotti di corrosione dalla doratura. Una successione di protettivi trasparenti, proteggerà le superfici metalliche e sarà di base all’integrazione che sarà eseguita con foglia d’oro zecchino in alcune porzioni fortemente alterate”. Le superfici dell’intelaiatura bronzea, saranno invece pulite con delicate tecniche meccaniche, portando il bronzo alle patine naturali del tutto simili a quelle originali.
I lavori sulla replica della Porta del Paradiso saranno eseguiti dalla ditta Nicola Salvini. (aise) 

Newsletter
Archivi