ALL’IILA IL CICLO “DOCUMENTALES DE MUJERES”

ALL’IILA IL CICLO “DOCUMENTALES DE MUJERES”

ROMA\ aise\ - Il 27 marzo, alle ore 18, presso la sede dell’IILA di Roma, prende il via il “Documentales de mujeres”, un ciclo di documentari su donne e di registe donne, realizzato in collaborazione con le ambasciate latinoamericane dei paesi membri dell’IILA. L’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne è l’Obiettivo n. 5 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. La tematica principale della Segreteria Culturale IILA per il 2018 è la produzione culturale latinoamericana con contenuti di genere, con particolare attenzione all’uguaglianza e la lotta contro la violenza su donne e bambine.
Il 27 marzo, in particolare, verrà presentato “Tierra de mujeres” di Amaia Merino e Fernanda Sosa Ledergerber, prodotto da Cineatica.
La presentazione di avvale del patrocinio dell’Ambasciata dell’Ecuador in Italia e il supporto tecnico dell’azienda ecuadoriana produttrice di cioccolato biologico Pacari.
Chi sono le donne dei sobborghi rurali del Distretto Metropolitano di Quito? Quali sono le loro storie? Qual è il ruolo nella vita comunitaria delle proprie parroquias? Queste e altre domande hanno spinto la Dirección Metropolitana de Parroquias Rurales de la Secretaría General de Coordinación Territorial y Participación Ciudadana a impegnarsi in un progetto di ricerca sulle storie di vita vissuta delle parroquianas, le quali, giorno dopo giorno, costruiscono una Quito rurale e diversa.
Le donne delle comunità rurali, tanto in Ecuador come nel resto del mondo, sono le guardiane dell’ambiente, della vita nella natura e dei saperi ancestrali, i quali, essendo trasmessi di generazione in generazione, diventano patrimonio vivo e in continuo rinnovamento. Nonostante il ruolo fondamentale di queste donne all'interno delle comunità rurali, poco si è approfondito a livello di studi, ricerche o costruzione di spazi di incontro e partecipazione sociale.
Alla realizzazione di “Tierra de Mujeres” hanno contribuito donne di diverse parroquias; in maniera partecipativa, ne hanno scelta una che potesse rappresentare l’identità della propria comunità e la forza delle contadine. Ecco perché “Tierra de Mujeres” raccoglie e racconta le storie di quattro di loro: Carmen, Silvia, Mercedes e Luz María. Con la saggezza dell’età, passano in rassegna i momenti più duri e più belli della loro vita. Un racconto in cui la violenza, la solitudine e la paura vengono superati dal sentimento più forte di tutti: l’amore. (aise) 

Newsletter
Archivi