BOJANO: L’INDIGNAZIONE AL SALOTTO LETTERARIO UMDI

BOJANO: L’INDIGNAZIONE AL SALOTTO LETTERARIO UMDI

BOJANO\ aise\ - Il 28 febbraio, alle 17.30, al palazzo Colagrosso, nel centro studi Agorà, verrà affrontato un tema di grande attualità: Perché ci indigniamo? L’indignazione nella storia e nella letteratura, libri e film sul tema, intelligenza emotiva, perdono e vendetta, come usare le emozioni.
“L'indignazione è la difesa dell'anima contro le ferite del dubbio”. La frase del filosofo contemporaneo, Allan Bloom è stata scelta per aprire questo appuntamento.
Tanti gli interventi, programmati e non, di professori universitari, studiosi, ricercatori, esperti, rappresentanti delle istituzioni, giovani, gente comune.
L’Indignazione, emozione spesso associata impropriamente alla rabbia, si esprime, in genere, in modo discreto, e consiste nel provare un sentimento costituito da un misto di sdegno, risentimento o riprovazione, nei confronti di persone o comportamenti, ritenuti offensivi intrinsecamente o nei confronti del proprio senso morale.
Un argomento di scottante attualità, che coinvolge ognuno di noi e chiama alla riflessione. L’iniziativa del Centro Studi Agorà e del quotidiano UMDI Un Mondo d’Italiani con Regione Molise Presidenza del Consiglio - Università del Molise, Cattedra di Storia Contemporanea – Istituto Italiano Studi Filosofici, Ippocrates – Molise Noblesse - Servizio Civile Nazionale – Casa Molise – Aitef - Comune di Bojano, nasce da un’idea di Mina Cappussi: ricreare il Salotto Letterario che, dal symposium greco, ha trovato la sua massima espressione nelle donne illuminate che riunivano intellettuali e personaggi di spicco influendo, di fatto, sulla formazione dell'opinione pubblica e sulla politica dello Stato. Un progetto ambizioso “Porta un libro e tornerai con un’idea!”, che ha intercettato una domanda di cultura importante, perché i Salotti, a Bojano, sono diventati un cult, uno al mese, ognuno con un tema diverso, ricompresi nelle azioni di Molise Sperimenta per il Patto per lo Sviluppo del Molise nel solco di “Molise Noblesse, Movimento per la Grande Bellezza di una piccola regione”.
Si entrerà nel vivo con gli interventi: “L’indignazione come motore della storia” il titolo della relazione del prof. Giuseppe Pardini, Docente di Storia Contemporanea Università degli Studi del Molise; Mina Cappussi, Direttore del quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani, docente Università Roma Tre, Counselor, affronterà la questione da uno speciale punto di vista “Perché ci indigniamo”. E’ un excursus ambizioso quello del prof. Giulio de Jorio Frisari del prestigioso Istituto Italiano Studi Filosofici, che parlerà di “Grandi indignati nella letteratura tra perdono e vendetta”. La prima parte della serata si chiuderà con letture, improvvisazioni, testi poetici, canzoni delle ragazze e dei ragazzi del Servizio Civile Turchese e Argento, e del pubblico in sala. Sarà poi il turno di Franca Romano, della Via Micaelica Molisana, con “Intelligenza Emotiva (Goleman). Come usare le emozioni”, seguita da Angela Arena (studentessa Economia Aziendale Unimol), con “Indignatevi di Stephane Hessel”. Random reglection rappresenta invece una novità assoluta e una sorpresa a cura di Valentina Lancellotta, Alessandra Del Riccio e Carla Rossi.
Le conclusioni saranno affidate a Maurizio Varriano, coordinatore nazionale di Borghi d’Eccellenza. Nel corso della serata sarà annunciato il prossimo Salotto Letterario di Marzo e il primo Molise Award in the World in regione, dopo quello tenutosi a Bologna, che premierà tre eccellenze in viaggio in Italia e oltre. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi