CELEBRATA A BAKU LA PRIMA GIORNATA DELLA RICERCA ITALIANA NEL MONDO

CELEBRATA A BAKU LA PRIMA GIORNATA DELLA RICERCA ITALIANA NEL MONDO

BAKU\ aise\ - Sì è svolta il 18 aprile scorso a Baku, presso la Azerbaijan National Library, la conferenza dedicata al “Ruolo della chimica in un mondo sostenibile”.
La conferenza è stata organizzata dall’Ambasciata d’Italia, in collaborazione con l’Accademia nazionale delle scienze azerbaigiana, per celebrare a Baku la prima edizione della giornata della ricerca italiana nel mondo, iniziativa lanciata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e Ricerca e quello degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Lo scopo dell’iniziativa è promuovere e valorizzare il lavoro dei ricercatori italiani e rafforzare la vicinanza di chi opera all’estero con il sistema nazionale italiano della ricerca.
Nel suo intervento di apertura, l’ambasciatore Augusto Massari ha valorizzato il ruolo della ricerca scientifica, pilastro portante di una società: "la vera ricerca scientifica può prendere avvio solo dalla meraviglia della realtà. Quindi non solo l’arte, ma anche la scienza deriva dall’osservazione e dallo stupore". Massari ha proseguito menzionando il lancio di una prossima iniziativa bilaterale Italia-Azerbaigian nel campo scientifico-tecnologico: "mi auguro che l’evento di oggi possa costituire un ulteriore passo verso una collaborazione più organica nel campo scientifico-tecnologico che possa portare alla firma di un protocollo esecutivo bilaterale fra i nostri due Paesi per il co-finanziamento di progetti di ricerca per giovani ricercatori".
La conferenza è stata organizzata con la collaborazione del Gruppo Maire Tecnimont, primo gruppo italiano per valore di progetti realizzati in Azerbaigian. Grazie al lavoro congiunto con Maire Tecnimont, sono giunti dall’Italia due relatori per l’occasione: Gaetano Iaquaniello, managing director di Processi Innovativi S.r.l., la società di ricerca e sviluppo del Gruppo Maire Tecnimont, e Massimiliano Barletta, docente di chimica all’università di Roma Tre.
A fare gli onori di casa il vice presidente dell’Accademia nazionale delle scienze, Dilgam Tagiyev. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi