CONSULTAZIONI/ SALVINI (LEGA): PRONTI A GOVERNARE/ NESSUN “NO” A PRESCINDERE

CONSULTAZIONI/ SALVINI (LEGA): PRONTI A GOVERNARE/ NESSUN “NO” A PRESCINDERE

ROMA\ aise\ - “No a Governi raccogliticci”. Così Matteo Salvini salito questa mattina al Quirinale alla guida della delegazione della Lega per le consultazioni del presidente Sergio Mattarella per la formazione del nuovo Governo.
“Vogliamo un Governo che duri 5 anni e che abbia l’interesse nazionale italiano come priorità”, ha detto Salvini, “soprattutto nei rapporti internazionali dell’Italia, per farla contare di più a Bruxelles, senza dover più rincorrere Francia e Germania e le scelte catastrofiche di Merkel e Macron”.
“Più che i posti ci interessano i progetti e i programmi”, ha precisato Salvini, che ha elencato “pensioni, lavoro, pressione fiscale, autonomia e riforme istituzionali” come temi “centrali”, insieme ai “rapporti con gli alleati europei”.
“Continuerò ad incontrare tutti anche formalmente, partendo dalla coalizione di centrodestra, che è unitaria e che è la prima forza in Parlamento” dunque “è dal centrodestra che si parte. Siamo pronti, andiamo in Parlamento con numeri certi”, ha aggiunto il leader della Lega, prima di ribadire che “non abbiamo detto “no” a prescindere a nessuno”.
Certo “bisogna smussare angoli, che altri non intendono smussare”, affidandosi al senso di responsabilità “come ha fatto la Lega per le elezioni dei presidenti di Camera e Senato. Tutti dovrebbero fare lo stesso”, ha sostenuto Salvini, ribadendo il suo “no” a “impuntature e a personalismi, se no il Governo non nasce”. In questo caso “si va a votare: non ce lo auguriamo ma non lo escludiamo”.
La Lega “è nata tra il popolo, non abbiamo paura di ascoltare i cittadini”. Detto questo, ha ribadito, “faremo di tutto per governare 5 anni, ovviamente partendo da chi ha vinto, e cioè dal centrodestra, e coinvolgendo i 5 Stelle perché, numeri alla mano, qualsiasi altra cosa sarebbe temporanea e improvvisata”.
La linea di Salvini è quindi “dialogo con tutti”, per arrivare ad una soluzione in vista di “importanti scadenze internazionali” in cui “spero di rappresentare questo paese come leader per difendere l’Italia su tutti i fronti”.
“Noi abbiamo chiaro il programma e abbiamo in mente già la squadra”, ha sostenuto Salvini, precisando subito dopo che comunque “l’ultima cosa che ci affascina è il dibattito sul premier. Noi siamo pronti e speriamo lo siano anche gli altri, e non solo a parole. La Lega – ha concluso – vuole un governo stabile per i prossimi 10 anni”. (aise) 

Newsletter
Archivi