EUCYS 2018: STUDENTI ITALIANI A DUBLINO PER LA 30° EDIZIONE

EUCYS 2018: STUDENTI ITALIANI A DUBLINO PER LA 30° EDIZIONE

ROMA\ aise\ - Si è conclusa anche la 30a edizione di EUCYS, il concorso dell’Unione europea per i giovani scienziati in programma in Irlanda dal 14 al 19 settembre. Dopo più di un anno di severa selezione nei vari stati, sono stati ammessi alla finale 136 concorrenti tra i 15 e i 20 anni. 81 maschi e 55 femmine hanno presentato 88 lavori di qualità estremamente elevata, come conferma anche il presidente della Giuria Tony Fagan dell’University College di Dublino, hanno reso complessa la selezione e l’assegnazione dei riconoscimenti. E proprio qui c’è la sorpresa: i premi principali sono andati ai finalisti dei paesi invitati NON membri dell’Unione europea.
Due dei riconoscimenti principali, € 7000 ciascuno, sono stati assegnati al Canada, rispettivamente a Nicolas Fedrigo, 17 anni, per il lavoro di medicina su come intervenire sulla colonna vertebrale; l’altro assegno è stato per Brendon Matusch, 15 anni, per la proposta sui veicoli a guida autonoma. Solo la Germania è salita sul podio più alto con il ventenne Adrian Fleck e la sorella sedicenne Anna Amelie. Il loro studio propone un nuovo sistema di protezione del corpo con l’amido in caso di caduta.
A “salvare” l’onore dell’Unione europea i tre secondi posti ottenuti da Francia, Estonia e Portogallo. Hanno vinto 5000 euro ciascuno con approfondimenti in biologia e matematica. Anche i premi d’onore sono destinati agli studenti comunitari.
Infatti, al seminario di Stoccolma con la partecipazione alla cerimonia di assegnazione dei Nobel del 10 dicembre vanno Adrian dalla Germania e Francisco Miguel dal Portogallo. La tedesca Anna Amelie e l’estone Karl Endrik Tamkivi sono accreditati per il London International Youth Science Forum 2019.
Tutti stranieri gli assegnatari dei 3500 € del terzo posto. I fortunati sono due studenti della Georgia per una ricerca di fisica; due sudcoreani con l’applicazione delle tecnologie della comunicazione al Parkinson; una diciottenne cinese grazie allo studio nelle scienze sociali.
Il mancato successo dei due contributi italiani, selezionati dalla Fast con I giovani e le scienze, indubbiamente di ottimo livello, si giustifica con l’elevata qualità generale degli studi presentati a Dublino rendendo difficile il lavoro dei 20 esperti della Giuria. E pochi centesimi nel punteggio finale spesso fanno la differenza!
“Ho il massimo rispetto per le scelte fatte dalla Giuria e faccio i miei complimenti ai vincitori internazionali” commenta a caldo Alberto Pieri, National Organizer per l’Italia fin dall’inizio del concorso nel 1989, “Tuttavia EUCYS è finalizzato a valorizzare i giovani scienziati dell’Unione. Se si invitano finalisti da paesi non membri sarebbe auspicabile reintrodurre riconoscimenti specifici per loro”. Si dichiarano in linea con questo pensiero molti National Organizer dei paesi dell’Unione; sostengono la necessità di valorizzare al meglio i contributi dei giovani europei ritornando all’esperienza del passato: i finalisti internazionali devono avere premi speciali a loro riservati lasciando più visibilità agli stati membri per i 9 premi in denaro”.
Tra i contributi speciali offerti da alcuni sponsor va segnalato quello della Salvetti Foundation. L’assegno di € 2000 al miglior progetto sulla manutenzione è consegnato dal segretario generale della Fast e socio della citata Fondazione Alberto Pieri; va alla diciottenne della Federazione Russa Mariia Andreevna Soloveva per la ricerca sulla protezione dei metalli dalla corrosione.
La prossima scadenza per l’edizione del concorso europeo “I giovani e le scienze” – selezione italiana – è il 1° febbraio 2019. Possono candidarsi giovani tra i 14 e i 20 anni. La storia di EUCYS inizia nel 1989. Nei trent’anni di vita vengono coinvolti 3154 finalisti, passando dai 59 della prima edizione ai 136 di quest’anno. Sono 25 le città dove è stato organizzato. Milano ha ospitato l’evento in due occasioni: nel 1997 nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della Fast e nel 2015, in contemporanea con l’Expo. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi