“FUGA PER LA LIBERTÀ”: L’AICS ALLA PRESENTAZIONE DEL FILM DI EMANUELA GASBARRONI

“FUGA PER LA LIBERTÀ”: L’AICS ALLA PRESENTAZIONE DEL FILM DI EMANUELA GASBARRONI

ROMA\ aise\ - In occasione del 25 aprile, Festa della Liberazione, è stato presentato a Roma, negli spazi del Centro aggregativo Apollo 11, il film di Emanuela Gasbarroni sul campo profughi di Latina dal titolo “Fuga per la libertà”. Presenti alla proiezione Emilio Ciarlo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, il regista Gianfranco Pannone e i giornalisti Tatiana Covor e Carlo Picozza che, dopo la proiezione, hanno condiviso le loro impressioni con la regista dell’opera.
Il racconto – spiega l’Aics – prende le mosse dall’infanzia della regista: quando era piccola la sua famiglia conobbe alcuni rifugiati politici fuggiti dall’Europa orientale e ospitati per qualche mese nel campo profughi della città pontina. Il ricordo ha spinto Gasbarroni a iniziare una serie di ricerche e a ritrovare alcuni rifugiati. Ha così percorso, insieme a tante persone, un difficile viaggio nel passato, tornando con la memoria e i ricordi in quel campo dove erano arrivati durante la loro fuga verso la libertà.
C’è Alex, che aveva 22 anni nel 1982, quando era fuggito dalla Romania; c’è Aurelia, cittadina polacca, scappata all’età di 20 anni nel 1980; c’è Mihai, che ha scritto un libro sulla sua fuga negli anni Settanta dalla Romania. La loro vita di quel periodo, quando ancora il muro di Berlino e la “cortina di ferro” dividevano l’Europa e il mondo, ha costituito il nucleo dell’opera della Gasbarroni.
“È un pezzo della nostra vita, il campo profughi di Latina: una tessera tra le immagini che abbiamo in testa – ha commentato Emilio Ciarlo – Immigrati in una città di immigrati”. (aise)

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi