GLOBAL EDUCATION & SKILLS FORUM DI DUBAI: STUDENTI ITALIANI SUL PODIO

GLOBAL EDUCATION & SKILLS FORUM DI DUBAI: STUDENTI ITALIANI SUL PODIO

ROMA\ aise\ - La squadra italiana si è piazzata seconda al #Solveathon, l’hackathon sulle sfide globali e, in particolare, sui temi dell’educazione, organizzato dal Massachusetts Institute of Technology di Boston nell’ambito del Global Education & Skills Forum, terminato ieri a Dubai. A darne notizia è il Ministero dell’Istruzione in una nota in cui spiega che il team italiano, composto da due studentesse e due studenti, ha partecipato a questa competizione internazionale rappresentando tutta la delegazione del Miur al Forum.
Quarantacinque tra studentesse e studenti e docenti, rappresentanti di 22 scuole di tutte le Regioni italiane, hanno partecipato sabato e domenica a questa edizione del Forum, non solo al prestigioso workshop “Solveathon” organizzato e condotto dai docenti del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston, ma anche alla “United Nations Simulation Conference”, una simulazione studentesca dei processi negoziali dell’Assemblea Generale dell’ONU.
Il progetto proposto dai ragazzi durante l’hackathon del MIT è stato pensato intorno ad una nuova ed innovativa formula di “debate” e interazione tra docenti e studentesse e studenti, sia internamente che esternamente agli ambienti scolastici. I giudici della competizione hanno enfatizzato l’alto valore sociale e relazionale della proposta progettuale, che ora attraverserà l’oceano per una valutazione ulteriore a cura dei giudici americani della prestigiosa università.
Si dovrà ora attendere il loro responso per capire se studentesse e studenti italiani avranno la possibilità di partecipare alla prossima gara internazionale del MIT, in programma ogni anno a Boston.
“Faccio i miei complimenti a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi. Dobbiamo essere orgogliosi di loro, della capacità che hanno di mettersi in gioco in contesti come questo”, ha commentato il Ministro Valeria Fedeli. “Con le gare di idee che il Ministero ha promosso durante l’ultimo anno abbiamo voluto portare avanti l’idea di una scuola oltre la scuola, in grado di coinvolgere, sempre nel ruolo di protagonisti, le nostre studentesse e i nostri studenti, consentendo loro di sviluppare senso critico, competenze trasversali, capacità di iniziativa”.
Il Forum è stato anche l’occasione per il primo incontro tra il Commissario Italiano per EXPO Dubai 2020, Paolo Glisenti, e tutta la delegazione del MIUR.
Questo incontro – spiega il Ministero – si colloca nell’ambito dell'Accordo di collaborazione, siglato il 5 marzo, tra il Commissario Italiano per Expo Dubai 2020 e il MIUR, per favorire la partecipazione attiva del mondo della scuola, delle università e dei centri di ricerca alla prossima Esposizione Universale. L’accordo di collaborazione apre la strada a una ricca programmazione triennale, da realizzare nel percorso di avvicinamento e durante i sei mesi di EXPO. Un percorso che metterà al centro la partecipazione attiva del mondo della scuola, delle università, in collaborazione con il Commissariato, per lo sviluppo di progetti sui temi di EXPO e in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030. (aise) 

Newsletter
Archivi