I “PAESAGGI DI GUERRA” DI EDOARDO MARTINO IN MOSTRA AL MUSEO DI STORIA NAZIONALE DI RIO DE JANEIRO

I “PAESAGGI DI GUERRA” DI EDOARDO MARTINO IN MOSTRA AL MUSEO DI STORIA NAZIONALE DI RIO DE JANEIRO

RIO DE JANEIRO\ aise\ - Dal 15 marzo scorso e sino al 30 aprile, il Museo di Storia Nazionale di Rio de Janeiro ospita, con il sostegno dell'Istituto Italiano di Cultura, la mostra “Paesaggi di guerra: pittura di Edoardo De Martino”.
In mostra la collezione del pittore italiano che si stabilì in Brasile tra il 1867 e il 1875, che rappresenta le battaglie navali della storia brasiliana, come la Triplice Alleanza Guerra, conflitto tra le forze alleate di Brasile, Argentina e Uruguay contro il Paraguay e della guerra uruguaiana cui il Brasile partecipò. Le opere in mostra appartengono al Museo di Storia Nazionale.
Nella pittura di De Martino protagoniste sono le navi, per le quali l’artista elabora una singolare rappresentazione della guerra, inaugurando il genere della pittura di paesaggi marini. I disegni mostrano da un lato i dettagli e la tecnica del pittore e dall'altro il carattere poetico dei suoi scenari.
Edoardo De Martino è nato nella città di Meta. Ha seguito le orme di suo padre, in campo militare e, in parallelo, ha frequentato corsi liberi di pittura a Napoli, presso l’Accademia di Belle Arti, con Domenico Morelli e Giacinto Gigante. La baia napoletana fu, nell'Ottocento, motivo artistico per tutti i pittori paesaggisti della regione, che appartennero alla Scuola di Posillipo.
Nel 1866 De Martino fu imbarcato come pilota e ufficiale sulla nave Ercole, nella stazione navale italiana di Montevideo, in Uruguay. Si pensa che proprio lì, dopo aver assistito a un grave incidente navale, l'ufficiale abbia deciso di lasciare la Marina e seguire la carriera artistica. Dall'Uruguay, De Martino andò in Brasile dove fu assunto da D. Pedro II per ritrarre la campagna militare brasiliana in Paraguay, guadagnando così notorietà come paesaggista. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi