INAUGURATA A GRISCIANO (ACCUMOLI) LA “CASA SAN GALLO”

INAUGURATA A GRISCIANO (ACCUMOLI) LA “CASA SAN GALLO”

SAN GALLO\ aise\ - “Sabato 15 settembre 2018, il Sindaco di Accumoli (Rieti), Stefano Petrucci, alla presenza della delegazione della Svizzera Orientale e del Liechtenstein, guidata dal delegato del COM.IT:ES (Comitato Italiani all'Estero) e alla presenza di Autorità civili e religiose, tra le quali il Vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili, e due Assessori della Regione Lazio, Giampaolo Manzella per le Attività produttive e Claudio di Berardino per il Lavoro e Ricostruzione, ha inaugurato la struttura polifunzionale donata agli abitanti di Grisciano (comune di Accumoli) dalle comunità italiane e svizzere dell'Ostschweiz e del Principato del Liechtenstein. Della delegazione facevano parte anche il Missionario di Schaan e rappresentanti di alcune Associazioni italiane che hanno collaborato nella raccolta dei fondi per la realizzazione del progetto”. A riportare la notizia è “Solidali e Insieme”, quindicinale diretto da Sergio Giacinti a San Gallo.
“La struttura è costata oltre 90'000 CHF, raccolti attraverso donazioni e vari contributi del Centro Socio-Culturale Italiano di San Gallo, del nostro quindicinale “Solidali e Insieme”, di Comuni svizzeri, di Associazioni italiane e svizzere e di Istituzioni varie. Il progetto della donazione di una casa polifunzionale nel comune di Accumoli è nato dal Comites di San Gallo, che nell’agosto del 2014, subito dopo il disastroso terremoto, ha aperto un conto di “solidarietà” e che nell’aprile del 2015 ha accolto a San Gallo il sindaco di Accumoli per definire i termini dell’iniziativa.
I primi a contribuire efficacemente all’iniziativa sono stati “Gli Aquiloni”, un’organizzazione giovanile di San Gallo, che hanno cucinato pasta all’amatriciana e pizze nelle piazze di San Gallo e Amriswil, con il supporto di altri gruppi. Un altro generoso contributo è stato raccolto dalla comunità della Missione italiana del Liechtenstein e Valle del Reno, così come generosa è stata la contribuzione dell’Associazione Campani e Calitrani di Flawil-Degers-heim e notevoli i proventi delle feste realizzate appositamente ad Arbon e Amriswil. Anche parecchi comuni svizzeri (Kreuzlingen in testa) hanno dato una mano, insieme a molte altre associazioni italo-svizzere (a Rappers-wil, a Wattwil, all’associazione Pro Friuli e Friulani nel Mondo): tutti i contributi sono stati generosi e importanti, come quello presentato da una coppia di sposi che per il loro 25° di matrimonio ha devoluto il “regalo” degli invitati all’iniziativa. Non vorremmo dimenticare nessuno, nemmeno quell’anziana signora che è venuta di persona a portare il suo “piccolo obolo”. Nella nuova struttura della Casa San Gallo, costruita dalla ILLE Costruzioni di Trento, potranno trovare ospitalità le attività ricreative e sociali dei giovani e degli anziani del piccolo paesino, finora rimasti senza un luogo di aggregazione, dopo il disastroso terremoto del 24 agosto 2016.
Sabato 15 settembre è stato un bel giorno per tutti. Ma soprattutto è stata la dimostrazione che con la buona volontà di molti, senza sprechi, le offerte raccolte in questi due anni sono state tutte bene impiegate. Grazie, veramente, a tutti coloro che hanno reso possibile quest’opera!”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi