"INTRIGUING UNCERTAINTIES" IN MOSTRA AL PARKVIEW MUSEUM DI SINGAPORE

"INTRIGUING UNCERTAINTIES" IN MOSTRA AL PARKVIEW MUSEUM DI SINGAPORE

SINGAPORE\ aise\ - Sarà aperta al pubblico sino al 5 gennaio 2019 la mostra "Intriguing Uncertainties", che si è aperta il 3 settembre scorso al Parkview Museum di Singapore. La mostra, curata da Lorand Hegyi, direttore dell'arte del Parkview Museum, è stata organizzata insieme all'Ambasciata d’Italia in Singapore e presenta un progetto dedicato a disegno contemporaneo.
"Intriguing Uncertainties" vede esposte le opere di quarantadue artisti provenienti dall'Europa, dall'Asia, dall'Africa, dall'America del Sud e del Nord, mettendo in luce il significato della narrativa che si focalizza su singole costellazioni socio culturali, così come su specifiche situazioni e significati antropologici. La relazione e il tema significativo creano uno spazio mentale privilegiato o una dimensione immaginaria in cui gli spettatori sono confrontati con fenomeni disturbanti, come improbabilità o incertezze, ed eventi oscuri, ambigui ed irrazionali che non sono solo il risultato dell'immaginazione artistica ma forti componenti della nostra realtà. Queste incertezze sono sempre presenti nel mondo che conosciamo, che è caotico, instabile, confuso e spesso pieno di conflitto.
La realtà oscura fa parte della nostra realtà antropologica, ma è compito dell'artista dischiudere e mostrare le sue forze oscure. Proprio l’artista, infatti, attraverso la sua immaginazione radicale, elabora queste incertezze o fenomeni disturbanti e li trasforma in attimi di luce gettando chiarezza sull'esistenza umana.
La mostra s'ispira molto al filosofo americano e teorico della letteratura Edmund Burke, uno dei primi a ragionare sul potere estetico dell'incertezza come "oscurità espressiva". Così come, duecento anni dopo, Dennis Oppenheim, il cui lavoro è presente in mostra, arrivò alle stesse conclusioni presentando il concetto di "energia sotterranea" che connette diversi sistemi mentali e terreni emozionali.
I molti artisti che partecipano, anche se attraverso una narrativa visuale oscura, al progetto accompagnano gli spettatori lungo una trama di universo poetico complessa ma affascinante. Tra gli artisti in mostra ci sono gli italiani Davide Cantoni e Guglielmo Castelli e poi Ruth Barabash, Radu Belcin, Tony Cragg, Hallison Hawkins, Denisa Lehocka, Hermann Nitsch e molti altri.
Quella di Singapore è la prima tappa della mostra, che si sposterà nel 2019 in Cina, al Parkview Museum di Bejiing. (r.moore\aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi