ITALIANI ALLE CANARIE: BOTTA E RISPOSTA TRA BUCCERI (APICE) E MARIANI (COMITES)

ITALIANI ALLE CANARIE: BOTTA E RISPOSTA TRA BUCCERI (APICE) E MARIANI (COMITES)

ROMA\ aise\ - Si consuma via mail il botta e risposta tra Giuseppe Bucceri e Pietro Mariani, presidenti, rispettivamente, dell'Associazione Pensionati Italiani e Connazionali all'Estero (Apice) e del Comites di Madrid.
A capo dell’Apice, che è un’associazione “regolarmente autorizzata dal Ministero degli Interni Spagnolo con nr. 612561”, Bucceri spiega che come presidente trasmette “segnalazioni alle Rappresentanze Diplomatico-Consolari, incluse quelle onorarie, su particolari temi o problematiche di noi italiani riscontrate sul territorio delle Isole Canarie. Purtuttavia, ad oggi non ho mai avuto il piacere di leggere una replica in merito dai sopra citati organismi”, continua Bucceri che chiama in causa il Comites di Madrid, anche se non diretto destinatario di queste “segnalazioni” perché, a suo parere, sarebbe comunque “opportuno mostrare esplicito interesse alle numerose segnalazioni delle nostre comunità all'estero, che spesso vengono lamentate. C'è da chiedersi quale sia la percezione che le istituzioni hanno di noi, in qualità di rappresentanti dei connazionali, e se l'indifferenza e/o la diffidenza possa essere di aiuto nel campo della cooperazione a beneficio degli stessi”.
A rispondere, a stretto giro di posta, è il presidente del Comites Pietro Mariani che, in primo luogo, ricorda che il Comites “è un organo elettivo pubblico formato da volontari che prestano la loro opera senza nessuna contropartita o interesse diretto se non quello di svolgere una attività costante di raccordo tra i residenti nella circoscrizione consolare e iscritti AIRE e le autorità diplomatico consolari. Cosa che umanamente realizziamo con impegno e dedizione, compatibilmente con gli impegni di lavoro e familiari di ognuno dei consiglieri, incluso il rappresentante massimo che è il Presidente”.
“Per legge costitutiva – spiega poi Mariani – un Com.it.es, non può interferire nelle relazioni bilaterali fra lo Stato Italiano e le Autorità Locali del paese, in questo caso la Spagna. Tutte le vostre segnalazioni vengono regolarmente esaminate, prese in seria considerazione e immediatamente trasmesse agli organi competenti, quindi la Ambasciata di Madrid, che le deve verificare, informandosi presso i ministeri competenti e agire di conseguenza se rispondono al vero, in difesa degli interessi della nostra comunità. Accusare il nostro comitato e il sottoscritto di "indifferenza e/o diffidenza" mi sembra ingiusto e me ne dispiace, visto che queste non rispondono al vero, ma solo a illazioni pretestuose”, sostiene Mariani, che conclude: “la campagna elettorale è terminata”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi