LA SETTIMANA DIPLOMATICA: DA MINSK A BELGRADO

LA SETTIMANA DIPLOMATICA: DA MINSK A BELGRADO

ROMA – focus/aise – La settimana diplomatica si muove verso est. Sono infatti Minsk, in Bielorussia, e Belgrado, in Serbia, le capitali interessate in questi ultimi giorni dall’arrivo dei nuovi ambasciatori.
A Minsk è giunto il 26 aprile Mario Giorgio Stefano Baldi, per il quale sarà un "gran privilegio" dare il proprio "contributo al rafforzamento delle relazioni tra Italia e Bielorussia". Nel giorno del suo insediamento ufficiale, l’ambasciatore Baldi ha assicurato che si impegnerà "per ampliare ulteriormente gli spazi di collaborazione in campo politico, economico, sociale e culturale e per rendere ancora più forte il legame tra due Paesi amici che condividono interessi comuni, ma anche sentimenti di profonda amicizia e di rispetto reciproco".
Nello stesso giorno a Belgrado Carlo Lo Cascio era ricevuto dal presidente della Repubblica di Serbia, Aleksandar Vucic, per la presentazione delle lettere credenziali.
L’ambasciatore Lo Cascio si era in realtà insediato nella sede diplomatica serba agli inizi di aprile, annunciando già allora la volontà di lavorare "al fianco della Serbia nel suo cammino verso l'UE". Tema questo che è stato anche al centro del cordiale colloquio avuto questa settimana con il presidente Vucic. L’ambasciatore Lo Cascio ha ribadito al capo dello Stato l'importanza del ruolo della Serbia nel contesto della stabilità regionale, confermando dichiarato subito dopo il suo insediamento in Ambasciata: "nei prossimi mesi il negoziato di adesione di Belgrado all’Ue avvicinerà ancora di più Italia e Serbia, Paesi uniti da profondi legami storici, economici e politici. Cogliendo tale eccezionale finestra di opportunità, l’Ambasciata d’Italia a Belgrado lavorerà per intensificare gli scambi commerciali, promuovere vivaci rapporti culturali e approfondire la proficua collaborazione intergovernativa, nel quadro di una cooperazione regionale sempre più intensa". (focus/aise) 

Newsletter
Archivi