"L'IDÉE DE L'ÉGYPTE ET LA RENAISSANCE ITALIENNE": AL MUSEO POINTE-À-CALLIÈRE DI MONTREAL LA CONFERENZA DI MARCO PIANA

"L

MONTREAL\ aise\ - In occasione dell'esposizione "Regine d’Egitto" presso il Museo Pointe-à-Callière, l'Istituto Italiano di Cultura di Montreal ha organizzato la conferenza "L'idée de l'Égypte et la Renaissance italienne" a cura di Marco Piana, borsista post dottorato in studi medievali e del Rinascimento all'università di Toronto, presso il Dipartimento di studi italiani.
La conferenza si terrà martedì prossimo, 30 ottobre, alle 11.00, presso il museo stesso con ingresso libero e prenotazione obbligatoria. L’incontro si svolgerà in lingua francese.
Dalla graduale riscoperta degli scritti di antichi filosofi come Jamblique e lo pseudo Ermete Trismegisto, il Rinascimento italiano è stato profondamente affascinato dall'antico Egitto. Spesso considerata una culla di conoscenza dimenticata (e talvolta proibita), l'antichità egiziana cominciò rapidamente a diffondersi come una complessa narrativa a tutti i livelli della società italiana, dalle alte corti dei governanti e dei papi alle umili taverne e case della prostituzione. Questa conferenza esaminerà alcuni dei casi più singolari di questo dialogo tra l'Italia rinascimentale e l'alterità/antichità egiziana, dalle più alte forme di esaltazione alle forme più virulente di demonizzazione.
Marco Piana è un borsista post-dottorato in Studi medievali e rinascimentali presso l'Università di Toronto, Dipartimento di studi italiani. Il suo campo di ricerca si concentra sulla rappresentazione letteraria dell'alterità e dell'identità religiosa nella prima Europa moderna, con particolare attenzione a Gianfrancesco Pico della Mirandola, a Girolamo Savonarola e alla rinascita neoplatonica in Italia. Attualmente è assistente di ricerca sul progetto "Egalité et supériorité dans les traités pro-femmes de la Renaissance et du début de la modernité", guidato dai professori Marguerite Deslauriers e Laura Praelipcean e associato agli studi universitari del progetto "Early Modern Conversions", guidato dai professori Paul Yachnin e Stephen Wittek. (aise)


Newsletter
Archivi