L’ITALIA IN INDIA: ASPETTANDO IL TECHNOLOGY SUMMIT DI NEW DELHI

L’ITALIA IN INDIA: ASPETTANDO IL TECHNOLOGY SUMMIT DI NEW DELHI

ROMA – focus\ aise\ - Il 29 e 30 ottobre si terrà a New Delhi l’atteso appuntamento del Technology Summit 2018, al quale parteciperà attivamente anche l’Italia.
Nell’attesa l’Ambasciata guidata da Lorenzo Angeloni ha organizzato la settimana scorsa una di iniziative volte a promuovere l’eccellenza italiana, tecnologica e non solo.
Nella capitale indiana è stata presentata il 24 settembre "The Beauty of Knowledge", ovvero, "La Bellezza della conoscenza", una installazione realizzata per promuovere la ricerca e le innovazioni italiane nel campo di medicina, ambiente, spazio, cibo e nutrizione, patrimoni culturali. Supporti audio-visivi e ultimi ritrovati accompagnano i visitatori indiani provenienti da scuole, istituti e dipartimenti di medicina, ingegneria, scienza e design in una esperienza interattiva alla scoperta delle eccellenze tecnologiche italiane.
Nella stessa giornata il Mall più lussuoso di Delhi, The Chanakya, si è vestito a festa per accogliere l'evento di inaugurazione della terza edizione di "Italian Aperitif @ The Chanakya". Una selezione di tramezzini tipici preparati dalle sapienti mani di chef Ruffini di Alma, accompagnati da un effervescente calice di prosecco servito al ritmo di melodiche operette, ha ricreato l'atmosfera di una Piazza Italiana all'imbrunire, perfetta per il lancio del nuovo Italian Corner: una collezione dei migliori marchi dell'enogastronomia italiana intenzionati a rafforzare la loro presenza in India.
Sempre ALMA, insieme a IICA, IHM PUSA e AIMS, si è fatta promotrice per l’occasione di tre seminari concettualizzati come momenti di scambio culturale e di know-how tra studenti italiani e indiani per aggiungere valore alla loro crescita e formazione. Trasversali le tematiche trattate, incluso un approfondimento sul gelato artigianale italiano e il kulfi indiano. Alla fine del programma educazionale, gli allievi si sono sfidati in una competizione ai fornelli per mettere in pratica quanto appreso.
Chef Ruffini e altri specialisti in nutrizione degli istituti di New Delhi hanno animato la conferenza "The mediterranean talks", volta a indagare e comprendere i benefici del modello sostenibile della dieta Mediterranea e la sua collocazione nella nutrizione indiana.
Anche lo chef Carlo Cracco è giunto a New Delhi per spiegare l'utilizzo e la reintepretazione delle spezie indiane nella cucina italiana. A seguire ha preso parte alla serata di Gala nella bucolica cornice dei parchi dell'Ambasciata. Il menu unico e appositamente ideato dal rinomato chef è stato la principale attrazione dell'evento, reso ancor più speciale da ricercate installazioni luminose e musica dal vivo.
A New Delhi si è svolto nei giorni scorsi anche un seminario sulle "Denominazioni d’Origine Protetta", volto alla comprensione delle criticità delle indicazioni geografiche protette in UE, Italia e India. Attraverso casi di studio esemplificativi sono stati illustrati i sistemi e le tipologie di protezione, le migliori strategie di prevenzione alle frodi e l'impiego delle indicazioni a protezione delle marche tradizionali.
La scorsa settimana si è conclusa con la partecipazione, il 26 settembre, dell’Italia in qualità di Paese partner al Luxury Symposium. L’evento è stato organizzato in cooperazione con la Luxury League, fondata dalla stilista Ritu Beri. Esperti ed imprenditori hanno intavolato un dibattito arricchito da narrazioni di esperienze personali sull'avventura dell'alto di gamma italiano nel dinamico mercato indiano, sulle nuove tipologie di branding, sugli innovativi concetti enogastronomici e sulle strategie in costante evoluzione dei grandi marchi del design, arredamento, pelletteria, automotive e aviation. (focus\aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi