LUDOVICA ANZALDI IN GIAPPONE AL FESTIVAL DI ARTE INTERNAZIONALE "BIWAKO BIENNALE"

LUDOVICA ANZALDI IN GIAPPONE AL FESTIVAL DI ARTE INTERNAZIONALE "BIWAKO BIENNALE"

OSAKA\ aise\ - Nella suggestiva cornice del quartiere antico di Omihachiman, si svolgerà fino all’11 novembre il Festival di Arte Internazionale "Biwako Biennale". Vi partecipa anche la fotografa Ludovica Anzaldi che è presente con la sua video installazione collocata in una delle machiya dell'area espositiva.
L'opera.
Gli artisti danno momentaneamente vita a questa vecchia stanza e casa giapponese, è una rinascita del luogo, è una nuova vita dopo una morte. L'aldilà artistico nasce e vive grazie alle tracce della vita della casa, dell'artista e dello spettatore della mostra. L'installazione audio e video vuole darci l'illusione di incontrare gli abitanti della casa, gli abitanti dei nostri sogni, i fantasmi del nostro passato.
La stanza attraverso il suono e le immagini diventano un "limbo" tra due mondi: entrando lo spettatore perde la nozione di realtà, la nozione di tempo, la nozione di giorno e notte. In questo "oltre lo spazio" che ci dà la sensazione di essere in uno stato inconscio, in un mondo onirico, lo spettatore è libero di immaginare l'entità di questa nuova vita e di questa nuova forma.
L'installazione video è proiettata su carta giapponese sospesa con legno di bambù dal tetto della stanza per seguire la natura della casa. Nel video vediamo e seguiamo il movimento della silhouette di una donna, che diventa una "creatura" senza età e identità. Una "creatura" leggera in un mondo di ombre, in un mondo senza spazio e senza tempo; tra il visibile e l'invisibile, la vita e la morte, tra sogno e ricordi.
Tra noi e la creatura ci sono le onde dei colori, che come il mare sulla sabbia mostrano e coprono, cambiano col tempo ed è incontrollabile. Le onde simboleggiano il confine e il legame tra le parole, tra noi e lei, tra cielo e terra, tra mortalità e eternità realtà e fantasia.
La partecipazione di Anzaldi alla Biwako Biennale è organizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Osaka ed è ad ingresso libero. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi