"NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE": A TUBINGA SI PARLA DI EMANCIPAZIONE FEMMINILE NEL SUD D’ITALIA

"NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE": A TUBINGA SI PARLA DI EMANCIPAZIONE FEMMINILE NEL SUD D’ITALIA

TUBINGA\ aise\ - Franca Viola è stata la prima donna italiana a rifiutare il matrimonio riparatore. Divenne simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.
""Nessuno mi può giudicare" - L’emancipazione delle donne meridionali in Italia dal caso Franca Viola (1965) ad oggi" è il titolo della conferenza a cura di Ignazio Campagna che si terrà venerdì 9 marzo a Tubinga.
Franca Viola è stata insignita dell'onorificenza di Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano "Per il coraggioso gesto di rifiuto del matrimonio riparatore che", si legge nella motivazione, "ha segnato una tappa fondamentale nella storia dell'emancipazione delle donne nel nostro Paese".
La conferenza, organizzata dall’Associazione Amici della Cultura Italiana di Tübingen, si svolgerà dalle ore 19.00 alle 21.00, con ingresso libero, e sarà accompagnata da una breve introduzione ai temi in lingua tedesca. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi