NUOVE INDICAZIONI PER OTTENERE IL VISTO IN PAESI A RISCHIO POLIOMELITE

NUOVE INDICAZIONI PER OTTENERE IL VISTO IN PAESI A RISCHIO POLIOMELITE

ROMA\ aise\ - A fronte di una nuova diffusione in alcuni paesi della Poliomelite, allo scopo di minimizzare il rischio di reintroduzione del poliovirus in Italia e, quindi, di garantire la sicurezza sanitaria della popolazione, il Ministero della Sanità raccomanda a coloro che dovessero recarsi in Paesi sottoposti alle Raccomandazioni Temporanee – (attualmente Afghanistan, Pakistan, Somalia, Nigeria, Kenya, Repubblica Araba Siriana, DR Congo) per motivi di lavoro, studio, vacanza, etc. e rimanervi per lungo tempo (cioè > 4 settimane) di portare un valido certificato di vaccinazione contro la poliomielite, redatto sul modello di certificato internazionale allegato al Regolamento Sanitario Internazionale 2005 (modello consultabile e scaricabile dal link 3 ; effettuare una dose di vaccino inattivato (IPV), tra 4 settimane e 12 mesi precedenti a viaggi internazionali. I viaggiatori che dovessero intraprendere viaggi urgenti (cioè entro 4 settimane) e non avessero ricevuto una dose di vaccino antipolio nei precedenti 12 mesi, dovrebbero comunque ricevere una dose di vaccino IPV, almeno al momento della partenza, in quanto questa fornirà ugualmente dei benefici, in particolare per i viaggiatori frequenti.
I viaggiatori in questione dovrebbero inoltre essere informati circa la possibilità che, in assenza di documentazione (certificato antipolio redatto su modello di certificato internazionale) potrebbero essere sottoposti, in accordo con le raccomandazioni temporanee dell’OMS, a vaccinazione antipolio al momento della partenza dal Paese affetto. Coloro che provengono dai Paesi sottoposti alle Raccomandazioni Temporanee – (attualmente Afghanistan, Pakistan, Somalia, Nigeria, Kenya; Repubblica Araba Siriana, DR Congo), sia residenti che soggetti che vi abbiano soggiornato per più di 4 settimane, devono essere in possesso del certificato internazionale di vaccinazione contro la poliomielite che attesti l’effettuazione di una dose di vaccino antipolio tra 4 settimane e 12 mesi precedenti al viaggio.
In tal senso, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha richiamato l’attenzione delle ambasciate e dei consolati sulla necessità di richiedere il certificato di vaccinazione contro la poliomielite prima del rilascio del visto per l’Italia ai cittadini provenienti da Afghanistan, Pakistan, Somalia, Nigeria, Kenya; Repubblica Araba Siriana, DR Congo. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi