NUOVI PARTIGIANI PER UN RICORDO SEMPRE VIVO DELLA RESISTENZA

NUOVI PARTIGIANI PER UN RICORDO SEMPRE VIVO DELLA RESISTENZA

ROMA – focus/ aise – È notizia di pochi giorni fa l’elezione di Roberto Volpetti alla guida della storica Associazione Partigiani Osoppo-Friuli (APO) di Udine. Già segretario della FIVL, la Federazione Italiana Volontari della Libertà (sigla che racchiude molte delle associazioni partigiane di area cattolica), Volpetti sarà in carica per i prossimi tre anni. La cerimonia di insediamento è cominciata con un momento commemorativo: Gianni Nistri ha letto un brano tratto dal recente libro Angeli Terribili di Gianni Barbacetto, brano che riporta il testo della relazione del comandante partigiano Francesco De Gregori, dopo il grande rastrellamento tedesco del settembre 1944 nella zona di Attimis e Faedis.
È seguito poi il saluto del sindaco di Udine, Pietro Fontanini, il quale ha ricordato il ruolo che l’Osoppo Friuli ha avuto per la difesa della libertà del Friuli.
Nel corso dell’Assemblea, è stata ripercorsa l’attività svolta negli ultimi sette anni, e che ha visto passaggi importanti per la Associazione degli Osovani: dalla visita a Porzus del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, alla visita del Ministro della Difesa Mario Mauro, ai tanti momenti di riflessione, dibattito e ricerca storica che sono stati organizzati. Negli stessi giorni, l’Associazione Partigiani Osoppo-Friuli, in collaborazione con il Comune di Tramonti di Sopra e con il patrocinio e il sostegno dei comuni di Tramonti di Sotto e Cavasso Nuovo e dell’A.N.P.I. provinciale di Pordenone, ha organizzato la commemorazione della Battaglia del Monte Rest, avvenuta il 16 e 17 ottobre 1944 per difendere la Libera Repubblica della Carnia dagli attacchi dell’esercito tedesco e cosacco.
La cerimonia è stata aperta con un momento di riflessione spirituale tenuto dal parroco di Tramonti don Omar Bianco e da un rappresentante della Chiesa Evangelica Valdese. Hanno partecipato per l’occasione gli alunni dell’Istituto comprensivo di Meduno, plesso di Tramonti, e sono intervenuti i sindaci dei tre Comuni patrocinatori. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi