POLITICHE 2018/ MARCIANÒ (FI) CHIEDE GLI OSSERVATORI OSCE IN AUSTRALIA

POLITICHE 2018/ MARCIANÒ (FI) CHIEDE GLI OSSERVATORI OSCE IN AUSTRALIA

PERTH\ aise\ - “Alla vigilia della spedizione delle schede elettorali, in un quadro di generale incertezza sulla regolarità del voto all’estero, specie nella quarta ripartizione, sarebbe opportuno e auspicabile l’intervento degli organismi internazionali di controllo (ONU/OSCE)”. È quanto sostiene Ernesto Marcianò, connazionale residente in Australia, candidato alla Camera – in quota Forza Italia – nella lista del centrodestra alle prossime elezioni politiche.
“Il dossier raccolto e classificato per tipologia di ipotesi di reato, riferito alle tre precedenti edizioni del voto all’estero, evidenzia, inequivocabilmente, palesi irregolarità”, continua Marcianò, secondo cui “è evidente, alla luce dei fatti e di quanto denunciato negli anni precedenti, che in un quadro del genere vengano a mancare i presupposti di democraticità e di libertà nel libero esercizio di voto”.
“La situazione va tenuta sotto controllo e, nella veste di candidato, posso intraprendere sin da adesso tutte le iniziative necessarie a tutela del libero esercizio di voto, della mia persona e del partito che rappresento”, assicura l’esponente forzista, prima di dare notizia di uno studio legale che si occupa di diritto internazionale che “sta vagliando l’ipotesi di presentare una richiesta ufficiale agli organismi competenti di controllo per indurlo ad intervenire ad impedire che si verifichino irregolarità così come accaduto in passato. La questione assume connotati complessi e paradossali. Non bisogna dimenticare che le ipotesi di reato si consumano in territori non italiani ma le conseguenze delle eventuali frodi riguardano la sovranità italiana”.
“Francamente” conclude il candidato “tra perdere la sovranità nazionale o il diritto del voto degli italiani all’estero indubbiamente opto per la seconda soluzione. Nonostante tutti i bei propositi poco è cambiato rispetto le precedenti edizioni e anche questa volta si rischiano brogli e truffe”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi