PROSEGUE L'ASSISTENZA ALIMENTARE ITALIANA AL VILLAGGIO DI MKONDONI

PROSEGUE L

MALINDI\ aise\ - “Gli italiani non abbandonano gli sfollati della valle del Galana. Dopo i due mesi di aiuti continui da parte degli italiani che hanno contribuito alla ripresa dei senzatetto dei campi della Croce Rossa e dopo che da luglio ci si è concentrati soprattutto sul villaggio più remoto, quello di Mkondoni, sulle rive del fiume all'altezza di Langobaya, questo mese sarà l'associazione "Mondo Solidale" che ha come referente in Kenya Rita Valentini a garantire l'approvvigionamento alimentare e non solo, in accordo con Karibuni Onlus che per prima ha gettato una scialuppa di salvataggio per la gente di quella zona. Nei prossimi giorni ci sarà la consegna ufficiale, di cui malindikenya.net vi riferirà come è stato fatto per le varie consegne da parte di voi lettori”. È quanto si legge su “malindikenya.net”, portale fondato e diretto da Freddie del Curatolo, da subito al fianco delle popolazioni colpite dall’inondazione.
“Ricordiamo che per la raccolta dell'emergenza Galana sono stati raccolti Kshs. 1.500.000, di cui 1.100.000 sono stati spesi per la consegna di 300 materassi, uno ad ogni famiglia di sfollati nei quattro campi allestiti dalla Croce Rossa Keniana. Kshs. 50.000 invece sono stati destinati all'acquisto di semi per ripiantare il granoturco nei campi risistemati dopo le inondazioni causate dal fiume, ed altri 50.000 in altri generi di prima necessità. Altri Kshs. 56.000 mila sono stati spesi per i vari trasporti ai villaggi e per quelli da e per Nairobi della logistica.
Durante le visite alle varie comunità negli ultimi due mesi sono stati acquistati anche prodotti alimentari per un totale di Kshs. 42.000.
Abbiamo anche destinato kshs. 60.000 per l'acquisto di carrozzelle per i disabili tra gli sfollati: la prima verrà distribuita la prossima settimana a Mkondoni, ed altri Kshs. 50.000 per aiutare famiglie in difficoltà.
Grazie alla generosità degli italiani abbiamo in cassa ancora poco meno di Kshs. 100.000 per altre emergenze, e contiamo sempre sulla vostra generosità.
Continueremo ad illustrare i benefici e i progressi dell'opera di Karibuni Onlus, delle associazioni che a lei si affiancano e di malindikenya.net che conta sempre sull'aiuto dei suoi fantastici lettori.
Grazie ancora a tutti!”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi