SCOUT E COOPERAZIONE ITALIANA INSIEME IN KENYA

SCOUT E COOPERAZIONE ITALIANA INSIEME IN KENYA

NAIROBI\ aise\ - Un gruppo di trenta scout provenienti da Campania, Marche e Puglia ha incontrato il 3 agosto scorso a Nairobi l’ambasciatore d’Italia in Kenya Mauro Massoni e la titolare della sede dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo Teresa Savanella. Nel corso dell’incontro – riporta l’Aics – i ragazzi hanno potuto raccontare la propria esperienza nel campo scout organizzato grazie alla collaborazione tra Agesci e Huipalas Onlus, oltre ad approfondire la conoscenza del sistema italiano di cooperazione allo sviluppo e, in particolare, delle attività dell’Agenzia in Kenya.
Il campo congiunto Agesci-Huipalas ha permesso al gruppo scout, attivo nella zona periferica dell’area metropolitana di Bari e nella città di Modugno, di vivere un’esperienza di grande spessore educativo nelle periferie di Nairobi, insieme al gruppo locale Korogocho Open Troop. Un’esperienza che ha reciprocamente arricchito i partecipanti, permettendo loro di mettersi alla prova e conoscere nuove realtà, persone e culture, per cambiare il modo di vedere il mondo e diventare, in prima persona, agenti consapevoli del cambiamento.
Il gruppo ha trascorso la prima settimana presso il campo scout Kijiji - "piccolo villaggio" in Swahili - inaugurato lo scorso febbraio alla presenza di Massoni e Savanella nell'ambito attività di supporto alle comunità locali e d sensibilizzazione su tematiche ambientali.
L'incontro ha offerto l'occasione per illustrare i caratteri fondamentali del quadro socio-politico del Kenya e del sistema italiano di cooperazione allo sviluppo, portando a una discussione costruttiva su temi particolarmente importanti come i settori prioritari di intervento, l’efficacia dello sviluppo, il ruolo dei ministeri e della società civile, la sostenibilità ambientale e il supporto alle comunità del territorio. Al termine dell'incontro, il gruppo scout ha raggiunto le aree di Kariobangi e Korogocho per ulteriori attività nelle comunità locali.
Frutto di un impegno condiviso e di una sensibilità comune per il dialogo con la società civile da parte dei titolari dell'ambasciata e della sede AICS, l’iniziativa ha voluto creare un'opportunità di scambio di esperienze e buone pratiche tra attori che sono chiamati a far parte di un sistema di cooperazione plurale, aperto ed efficiente. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi