SOSTEGNO ALL'EDITORIA ITALIANA ALL'ESTERO/ FNSI E ODG RINGRAZIANO MATTARELLA: NECESSARIO TUTELARE LE DIVERSITÀ

SOSTEGNO ALL

ROMA\ aise\ - “Per l'ennesima volta diciamo grazie al presidente della Repubblica, che ha sentito il bisogno di sottolineare l'importanza di sostenere, anche economicamente, le testate che raccontano l'Italia alle nostre comunità nel mondo. Questa esigenza deriva dallo stesso articolo 21 della Costituzione e dall'obbligo di dare voce alle diversità politiche, sociali, civili, religiose così come previsto dalle leggi sull'editoria”. Così la Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Ordine gei giornalisti commentano le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ieri, ricevendo al Quirinale i partecipanti agli Stati generali della lingua italiana nel mondo, ha sostenuto: “per la stampa in italiano all'estero è indispensabile il sostegno pubblico”. Una affermazione, quella del presidente, diametralmente opposta a quella del Governo che, per bocca del sottosegretario all'editoria Crimi, domenica alla kermesse 5 Stelle del Circo Massimo ha annunciato il dimezzamento dei fondi per il 2019 e il loro azzeramento nel 2020. Posizione, questa, rilanciata ieri anche da Elisa Siragusa, deputata 5 Stelle eletta in Europa, cui oggi ha risposto il Presidente della Federazione Unitaria della Stampa Italiana all'Estero, Giangi Cretti.
“Qualsiasi ipotesi di abrogazione di ogni forma di sostegno a queste realtà, così come alle testate espressioni di piccole comunità o di orientamenti culturali o religiosi, - concludono Fnsi e Ordine - rappresenta un tentativo di colpire differenze e diversità e di consegnare la libertà di espressione o ai soliti noti o ai signori della rete che puntano a sopprimere la funzione critica e il libero esercizio della professione giornalistica”. (aise) 

Newsletter
Archivi