UNICEF SI MOBILITA IN RDC CONTRO EBOLA

UNICEF SI MOBILITA IN RDC CONTRO EBOLA

© UNICEF/UN0233181/Herrmann

ROMA\ aise\ - L'UNICEF si è subito attivato nella risposta contro Ebola nella Repubblica Democratica del Congo per fornire sostegno a migliaia di persone, compresi i bambini, a rischio nella città di Butembo, a seguito della recente conferma da parte del Governo di due nuovi casi di Ebola.
"Butembo è un'importante città commerciale e ha quasi un milione di abitanti. C'è quindi un rischio reale che il virus possa diffondersi rapidamente in un centro abitato così vasto", ha detto Gianfranco Rotigliano, rappresentante dell'UNICEF nella R.D. del Congo durante la sua missione nella città. "Il numero di casi confermati di Ebola a Butembo rimane limitato, ma dobbiamo fare tutto il possibile per garantire che l'epidemia sia controllata in questa fase iniziale".
L'UNICEF sta ampliando la risposta di Ebola e sta impiegando a Butembo un team di 11 specialisti in sensibilizzazione delle comunità, istruzione, assistenza psico-sociale, acqua, servizi igienico-sanitari per aiutare a contenere la malattia ed evitare un'ulteriore diffusione dell'epidemia.
L'UNICEF ed i suoi partner hanno già dato priorità ai quartieri di Butembo con casi confermati di Ebola e alle persone che sono state in contatto con persone colpite.
L’UNICEF ha: formato 35 operatori psico-sociali per assistere le famiglie e i bambini colpiti dalla malattia; trasmesso programmi di informazione su nove radio comunitarie e sensibilizzato 36 giornalisti sulle misure di prevenzione; informato 255 leader della comunità locale nei quartieri mirati di Butembo sul virus Ebola, sulle misure di prevenzione e sul numero di emergenza da contattare per l'assistenza sanitaria precoce e specializzata per le persone con sintomi simili all'Ebola; sensibilizzato circa 7.000 persone attraverso i leader religiosi.
Ampliando la sua risposta alla città di Butembo, l'UNICEF continua a lavorare con i suoi partner a Mangina e Beni. Dall'inizio dell'epidemia, l'UNICEF ha collaborato con la comunità, i giovani e i leader religiosi per raggiungere più di 3,3 milioni di persone con messaggi di sensibilizzazione e prevenzione su Ebola. L'UNICEF sta lavorando con le comunità locali e con i sopravvissuti di Ebola per assicurare che le strategie messe in atto siano efficaci e sostenibili e per superare la resistenza locale contro la risposta ad Ebola, in particolare nel quartiere Ndindi di Beni.
I team multidisciplinari dell'UNICEF comprendono antropologi, che assicurano che la risposta sia sensibile alle credenze e alle pratiche culturali, in particolare per quanto riguarda la cura delle persone malate, e per affrontare le preoccupazioni della popolazione riguardo a sepolture sicure e dignitose. A Ndindi, i comitati locali stanno lavorando a stretto contatto con l'UNICEF per identificare e attuare attività di sensibilizzazione. I comitati locali hanno contribuito ad attivare camion per sensibilizzare la comunità con megafoni che attraversano il quartiere.
L'UNICEF ha infine fornito a 120 leader locali telefoni cellulari per rafforzare la diagnosi precoce e la segnalazione ai servizi sanitari di persone sospettate di essere state colpite. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi