BENI CONFISCATI: LA PROPOSTA DEGLI STUDENTI DELLA PARTENOPE DI NAPOLI ALL'UE

BENI CONFISCATI: LA PROPOSTA DEGLI STUDENTI DELLA PARTENOPE DI NAPOLI ALL

NAPOLI\ aise\ - Gli studenti dell’Università Parthenope di Napoli, Master di II Livello in Prevenzione dai rischi di infiltrazioni criminali nelle attività economiche, gestione, amministrazione e riutilizzo dei beni confiscati e sequestrati, seguiti dalla professoressa Carla Pansini, hanno formulato una proposta al Parlamento europeo sui fondi destinati alla valorizzazione dei beni confiscati. È stato l'eurodeputato PD Andrea Cozzolino a depositare al Parlamento un’interrogazione a risposta scritta.
Gli studenti hanno evidenziato la criticità del sistema europeo di gestire i beni confiscati alle associazioni criminali e di trovare le risorse per metterli in sicurezza, questo genera molto spesso uno stato di abbandono o di sottoutilizzo. Ecco quindi la proposta: inserire all’interno delle call dei programmi a gestione diretta, tra cui Life, Erasmus+ o Europa per i cittadini, ambiti riservati alla valorizzazione ed al riuso dei terreni confiscati alle associazioni criminali.
“La gestione diretta da parte di questi programmi - spiegano - consentirebbe uno snellimento delle procedure a livello europeo (con un vantaggio anche per la Comunità europea stessa) e la possibilità di utilizzare e valorizzare appieno questi beni”.
Di tale proposta i ragazzi ne hanno discusso anche sabato scorso con il direttore dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati, Bruno Frattasi, e con il Senatore della Commissione Giustizia Mario Michele Giarrusso, in occasione di un incontro promosso dalla fondazione Ymca a Roma. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi