"BLIND VISIONS": INEDITO CARLO LEVI A NEW YORK

"BLIND VISIONS": INEDITO CARLO LEVI A NEW YORK

NEW YORK\ aise\ - Una mostra di disegni dell'autore e artista Carlo Levi (1902-1975), realizzati durante un periodo di cecità temporanea causata dal diabete saranno eccezionalmente in mostra a New York in occasione della mostra "Carlo Levi. Blind Visions".
La mostra presenta per la prima volta negli Stati Uniti i disegni originali di Levi, che saranno esposti dal 9 ottobre al 13 dicembre nelle sale di Casa Italiana Zarilli-Marimò presso la New York University, a cura di Nino Sottile Zumbo e con la collaborazione di Antonino Milicia.
Nel 1973, mentre era costretto a letto, Carlo Levi fece costruire uno speciale quaderno di legno, con corde attaccate ai lati per aiutare a guidare la sua mano quando disegnava o scriveva. Lo etichettò "Quaderno a cancelli", il nome dato alla sua ultima collezione di prosa e poesia, che, pubblicata postuma da Einaudi nel 1979, accompagna virtualmente i disegni "ciechi", realizzati con matita, pastelli e penna a sfera.
Dopo la morte di Levi, i 145 disegni furono acquistati in Italia da Antonino Milicia, un contadino di San Pier Niceto (Messina, Sicilia) residente in Svizzera che conobbe l'autore a Zurigo negli anni '60. Quando Milicia lasciò la Svizzera e tornò nella sua città natale, portò con sé le opere e le conservò tra fieno e altri documenti.
La mostra newyorkese presenta una selezione di queste opere, alcune delle quali sono figurative ed altre astratte, tra cui cinque assolutamente inedite perché mai esposte prima.
Ebreo italiano, Carlo Levi è noto soprattutto per la sua opera di scrittore ed in particolare per il suo capolavoro "Cristo si è fermato a Eboli" (1945), un libro di memorie che racconta gli anni di esilio passati in una remota regione dell'Italia meridionale a causa del suo attivismo politico contro il regime fascista di Benito Mussolini. (r.a.\aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi