GIORNATA LOTTA CONTRAFFAZIONE: L’IMPEGNO DELLA FARNESINA CON I GIOVANI

GIORNATA LOTTA CONTRAFFAZIONE: L’IMPEGNO DELLA FARNESINA CON I GIOVANI

ROMA\ aise\ - Sensibilizzare i giovani al problema della contraffazione e del commercio internazionale di prodotti falsamente italiani (“Italian sounding”), nonché promuovere la cultura della legalità nelle nuove generazioni: questi gli obiettivi della "Giornata Nazionale della Lotta alla Contraffazione per gli studenti", promossa oggi, 29 ottobre, dal Consiglio Nazionale per la Lotta alla Contraffazione e all’Italian Sounding, un organismo istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico e integrato dalla Farnesina e da nove altri Dicasteri.
La giornata, aperta a Bari con un evento istituzionale all’Auditorium della Legione Allievi Finanzieri, grazie alla collaborazione del Ministero degli Esteri, coinvolge le scuole italiane in tutto il mondo: hanno partecipato infatti gli Istituti di Buenos Aires, Boston, Chicago, Cordoba, Istanbul, Lione, Madrid, Mosca, New York, Ottawa, Pechino, San Paolo, Tirana, Washington e Zurigo.
Il Ministero degli Esteri sostiene la lotta alla contraffazione nel quadro dell’azione finalizzata a garantire la competitività e l’internazionalizzazione del Sistema Italia.
Come spiega il Direttore Centrale per l’Innovazione e la Ricerca della Farnesina, Fabrizio Nicoletti, “il commercio di prodotti contraffatti è un problema socio-economico mondiale, in continua crescita, che vede l’Italia particolarmente esposta. Il mercato dei prodotti italiani contraffatti – secondo stime OCSE - vale circa 31,7 miliardi. Non solo capi d’abbigliamento e prodotti alimentari, ma anche prodotti ad alto contenuto d’innovazione. Il nostro Ministero svolge una costante azione diplomatica a difesa dei prodotti e delle aziende italiane e opera con i suoi Uffici e la sua rete diplomatico-consolare in tutte le sedi istituzionali e le Organizzazioni Internazionali”.
“Un’efficace strategia di promozione integrata del Sistema Italia, che coniughi la valorizzazione delle nostre eccellenze con la cooperazione internazionale e gli scambi con i Paesi esteri, - conclude Nicoletti – non può che esprimersi nell’ambito di una costante attenzione alla difesa dei nostri diritti di proprietà industriale”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi