IL MANDOLINO AMBASCIATORE DI CULTURA ITALIANA

IL MANDOLINO AMBASCIATORE DI CULTURA ITALIANA

MIAMI\ aise\ - Il mandolino rappresenta un grande veicolo culturale per l’Italia nel mondo, quale strumento d’elezione nell’iconografia musicale italiana. Lo sa bene Carlo Aonzo, l’artista che più di tutti dedica il suo impegno alla divulgazione del mandolino e della sua musica e a cui si deve la sua recente rinascita, specie in Italia, dove l’apprezzamento per questo strumento, dopo i fasti ottocenteschi, sembrava essersi sopito.
Sono imminenti due tournée internazionali di grande rilievo, in Giappone, dal 2 al 16 novembre e un nuovo tour americano, tra 8 e 19 dicembre.
In Giappone, come in gran parte dell’Estremo Oriente, il mandolino vive una vera e propria golden age, in virtù della felice simbiosi di questo strumento "moderno" con la musica tradizionale giapponese, anche se altrettanto interesse destano le classiche partiture italiane. Prima serata a Shizuoka, cui faranno seguito gli eventi di Kanagawa, Saitama e le diverse serate di Tokyo. In alcuni casi, le performance musicali di Carlo Aonzo si alterneranno al racconto della sua musica, a testimonianza della passione a tutto tondo che l’Oriente dimostra per il mandolino.
Negli States il mandolino, oltre alla versione classica, ha maturato una sua evoluzione, che ne ha permesso una diffusione importante, dunque non sorprende l’apprezzamento e la fama di cui gode Carlo Aonzo in terra americana. Il suo ciclo di spettacoli negli Stati Uniti si aprirà alla Carnegie Hall di New York con la tradizionale serata che inaugura il periodo natalizio, dedicata alle tradizioni italiane. Farà seguito l’appuntamento che il console italiano di Miami, Cristiano Musillo, ha programmato per il 12 dicembre, dove il mandolino di Carlo Aonzo e la sua musica avranno il ruolo di ambasciatori della tradizione italiana, a supporto ulteriore del grande lavoro di divulgazione della cultura e dell’immagine dell’Italia, che il console Musillo sta promuovendo nell’area del Dade, con iniziative apprezzate e partecipate.
A seguire la partecipazione di Carlo Aonzo all’International Piano Festival, sull’isola di Key Biscayne, nella cittadina omonima, di fronte alle celebri spiagge di Miami, per poi trasferirsi in North Carolina e tornare nuovamente in Florida, a Pelican Cove, per l’ultimo evento in programma, in duo con il grande chitarrista di origine cubana, René Izquierdo. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi