"ITALIA, FRANCIA E GERMANIA: UN CONFRONTO EUROPEO”: A MONACO LE TAVOLE ROTONDE PROMOSSE DALL’IIC

"ITALIA, FRANCIA E GERMANIA: UN CONFRONTO EUROPEO”: A MONACO LE TAVOLE ROTONDE PROMOSSE DALL’IIC

MONACO DI BAVIERA\ aise\ - Nell’ambito della rassegna “1918 - 2018 Che cos'è la democrazia?”, l’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera organizza due tavole rotonde sul tema "Italia, Francia e Germania: un confronto europeo I e II".
La prima – in programma il 14 febbraio alle 18:30 in Istituto – verterà in particolare su “Confini e identità all’indomani della I Guerra Mondiale - Contributi e dibattito”. Interverranno Marco Bresciani (Università di Verona), Michael Schwartz (Institut für Zeitgeschichte Monaco di Baviera, Berlino) e Thomas Serrier (Europa Universität Viadrina Francoforte sull'Oder).
Al termine della I Guerra Mondiale, con il crollo dei grandi imperi e la definizione di nuovi confini, ha inizio in Europa una nuova era, caratterizzata da deportazioni, movimenti di rientro nei paesi di origine, conflitti identitari, lotte per i diritti delle minoranze. Processi che, in parte, non possono dirsi conclusi sino ad oggi. In tale contesto, alcuni storici discutono riguardo alle sorti dell’Alsazia e della Lorena, dell’Alto Adige e dell’Adriatico settentrionale.
Modera gli interventi Thomas Schlemmer (Institut für Zeitgeschichte Monaco di Baviera, Berlino; Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera).
La seconda tavola rotonda sul tema “La minaccia alla democrazia” si terrà il 21 febbraio, dalle 19.00 questa volta all’Institut Français (Kaulbachstraße 13).
L’insorgere di movimenti autoritari e antiliberali, alla fine della I Guerra Mondiale, appartiene alla storia della democrazia. Sino ai giorni nostri vi sono, in Italia, Francia e Germania, tradizioni che si ricollegano al pensiero antidemocratico degli anni Venti.
Nicolas Beaupré (Université Blaise Pascal, Clermont-Ferrand), Giulia Albanese (Università di Padova) e Volker Weiß (storico e autore, Die Zeit, Frankfurter Rundschau, Taz, Spiegel-Online) analizzano i punti in comune e le divergenze delle rivolte autoritarie in Europa, sia del passato che del presente.
Modera gli interventi Pierre Monnet (Institut Franco-Allemand / Sciences Historiques et Sociales, - Goethe Universität Francoforte). (aise) 

Newsletter
Archivi