LATITANTI: IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CHIEDE ALLA FRANCIA L’INOLTRO DELLE DOMANDE ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA

LATITANTI: IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CHIEDE ALLA FRANCIA L’INOLTRO DELLE DOMANDE ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA

ROMA\ aise\ - “In un clima cordiale, collaborativo, di grande amicizia, si è concluso il primo incontro tecnico fra la delegazione del ministero della Giustizia e le autorità francesi. Sul tavolo, tutti i fascicoli inerenti i latitanti localizzati in territorio francese su cui le autorità italiane avevano inoltrato richiesta di estradizione. Sono stati analizzati tutti i fascicoli, uno per uno, ed è avvenuto un proficuo scambio di informazioni su ogni caso”. Così in una nota il Ministero della Giustizia, al termine del tavolo tecnico tenuto a Parigi.
In questa occasione, prosegue la nota, “le autorità francesi si sono impegnate a rivalutare tutte le posizioni. Lo scoglio principale è la lotta contro il tempo, rappresentata dalla prescrizione: purtroppo gran parte delle richieste inoltrate nel 2002 non hanno mai lasciato gli uffici del ministero della Giustizia francese”.
Proprio per questo, continua il Ministero, “la delegazione italiana ha chiesto che su tutti i fascicoli si pronunci l’autorità giudiziaria francese: gli atti sono sempre rimasti al ministero e non sono mai stati sottoposti al vaglio dell’autorità giudiziaria”. A via Arenula, conclude la nota, “c’è la convinzione che si sia finalmente instaurato un rapporto diretto che consentirà di seguire passo passo tutte le azioni da mettere in atto per giungere alla rimpatrio dei latitanti”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi