L’ITALIA AL CHINA ECOLOGY AND ENVIRONMENT FORUM 2019 DI CHENGDU

L’ITALIA AL CHINA ECOLOGY AND ENVIRONMENT FORUM 2019 DI CHENGDU

CHENGDU\ aise\ - Si è aperto oggi, giovedì 21 marzo, presso il Century City Exhibition Center di Chengdu il China Ecology and Environment Forum 2019. Tema di questa edizione "Sviluppo Economico e Protezione Ambientale ed Ecologica dei Grandi Bacini Fluviali – Yantze River".
Organizzato da EcoMondo, nella cornice del Chengdu International Environmental Protection Expo, con il supporto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e del Consolato Generale d’Italia a Chongqing, il Forum coinvolge esperti e partner di alto livello provenienti dall'Europa, dalla Cina e da altri Paesi.
La manifestazione si tiene in concomitanza con la Giornata Mondiale dell'Acqua (22 marzo), ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla delicata questione della scarsità di acqua, ed ha come obiettivo quello di stimolare la riflessione e il dialogo su tematiche di grande interesse.
Tra queste: il progressivo deterioramento della quantità e qualità delle risorse idriche a disposizione, i rischi per la società connessi a tale fenomeno e la necessità di conciliare sviluppo economico e impatto ambientale, con un focus specifico sulla preservazione e tutela dei bacini fluviali e in particolare del Fiume Azzurro.
"Il China Ecology and Environment Forum si colloca tra le iniziative supportate del Consolato Generale d'Italia a Chongqing e volte a promuovere la collaborazione italo-cinese nel campo della protezione ambientale", ha affermato il vice console Davide Castellani, durante il suo discorso. "Grazie all'approccio eco-sostenibile e al grado di avanzamento tecnologico delle proprie aziende, l'Italia è il partner ideale per assistere la Cina nel suo processo di riconversione industriale in un'ottica di sostenibilità ambientale", ha aggiunto Castellani, il quale ha poi sottolineato l'importanza del sostegno che anche il MATTM ha offerto al Forum: "segno evidente dell’impegno del Governo italiano nella cooperazione bilaterale in un settore di comune interesse come quello della tutela e protezione ambientale".
La sessione plenaria di apertura, co-organizzata dalla Sichuan Environmental Protection Industry Association, ha visto presenti, oltre al vice console Castellani, il direttore generale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Francesco La Camera, il vice direttore generale dell’Ufficio della Protezione Ambientale della Provincia del Sichuan, Li Yuedong, il vice direttore generale dell’Ufficio della Protezione Ambientale della città di Chengdu, Yi Bo, il presidente della China Association of Environmental Protection Industry (CAEPI), Fan Yuansheng, Wan Bentai, già capo ingegnere del Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente, Paolo Bazzoni, responsabile dell’Ufficio di Chongqing della Camera di Commercio Italiana in Cina, Zhang Yong, presidente della Chonqing Environmental Protection Industry Association, e Xie Tian, presidente della Sichuan Environmental Protection Industry Association.
La manifestazione proseguirà nella giornata di domani con una sessione plenaria in mattinata e due sessioni parallele nel pomeriggio.
La sessione plenaria, co-organizzata dalla Sichuan Environmental Science Society, sarà moderata da Lorenzo Gonzo, consigliere scientifico del Consolato Generale d’Italia in Chongqing, e vedrà le presentazioni di Fengu Hu, membro della ONG China Water Risk, di Antonio Lo Porto, impiegato al CNR e rappresentante dell’Italia presso la China Europe Water Platform, e di Bernd Manfred Gawlik, membro del Joint Research Center della Commissione Europea.
Seguirà una tavola rotonda moderata da Chen Weigu, vice presidente della Sichuan Environmental Sciences Society, a cui parteciperanno esperti del calibro di Francesco Fatone dell’Università Politecnica delle Marche, Tiberio Daddi della Scuola Superiore Sant’Anna, Marco Ricci del Consorzio Italiano Compostatori, Uwe Weber di EUKorea Climate Action e Chen Tongbin della Chinese Academy of Sciences.
Nelle sessioni parallele del pomeriggio, in cui si affronteranno le tematiche del trattamento delle acque reflue urbane ed industriali e dell'impiego delle energie rinnovabili nell'edilizia e nell'industria, saranno coinvolti rappresentanti di istituzioni ed organizzazioni cinesi, tra cui la All-China Environment Federation e la Chongqing Renewable Energy Society, e di alcune tra le imprese più rappresentative presenti alla Chengdu International Environmental Protection Expo. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi