NIELE TORONI A MILANO

NIELE TORONI A MILANO

MILANO\ aise\ - La galleria A arte Invernizzi di Milano ha inaugurato giovedì scorso, 21 febbraio, una mostra personale di Niele Toroni. L'esposizione, realizzata in occasione dei venticinque anni di attività della galleria, presenterà sino al 29 aprile opere in dialogo con l’ambiente ed è improntata intorno al numero venticinque.
Dal 1967 Niele Toroni lavora con una precisa metodologia la quale prevede, su supporti differenti, la successione di impronte di pennello n. 50 a 30 cm di distanza l’una dall’altra, ciascuna delle quali risulta luogo di epifania di un divenire e di una metamorfosi incessante del suo fare nel tempo.
"Niele Toroni ripete la sua impronta di pennello nel tempo e nello spazio", scriveva Harald Szeemann nel 1991. "E mai è la stessa cosa, perché lo stesso è lo stesso è lo stesso è irriducibilmente dissociato dall’essere identico. Il pleonasmo diventa batteria; l’energia dell’iterazione, struttura aperta. Non gli alti e bassi dell’anima dell’artista sono gli inibitori dell’identità, ma i luoghi di esplicitazione del metodo. L’esercizio della pittura vera, sbarazzata dalla zavorra di tutti i giudizi di valore e di tutti gli ammiccamenti storici, è la costante: trova in ogni lavoro la propria essenza attraverso il rimando alla sua stessa essenza. Il mondo non viene ridotto a due dimensioni, come altrimenti in un quadro, ma pittura è una determinata situazione e diventa così struttura aperta, liberamente riconcepibile nel tutto".
Al piano superiore un’opera costituita da venticinque carte, ciascuna contenente una sola impronta di pennello, è stata installata nella sala espositiva a partire da multipli di 30 cm di distanza affinché ci si possa lasciar guidare visivamente nella percezione dello spazio come campo attivo; completano il progetto espositivo due tele di grandi dimensioni, alcuni interventi a muro e lavori realizzati su differenti supporti, quali manifesti, carte giapponesi e cartoncino.
Al piano inferiore l’opera Impronte di pennello n.50 a intervalli di 30 cm del 1987 - composta da venticinque tele ciascuna di 100x100 cm - ridefinisce lo spazio espositivo con le sue pennellate ritmando lo sguardo del visitatore che può liberamente seguire la loro scansione, frutto di un gesto quasi tantrico, che non è mai ripetizione bensì materializzazione di una irripetibile e sempre mutevole individualità.
In occasione della mostra è stata pubblicata una monografia bilingue contenente una intervista immaginaria di Niele Toroni e un testo di Giorgio Verzotti, corredate da materiale iconografico che ripercorre il lavoro realizzato dal pittore nel corso degli anni in collaborazione con A arte Invernizzi, sia presso la galleria sia in spazi pubblici e privati. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi