PARTENARIATO ORIENTALE: PIANO D’AZIONE PER GLI INVESTIMENTI NELLA RETE TEN-T

PARTENARIATO ORIENTALE: PIANO D’AZIONE PER GLI INVESTIMENTI NELLA RETE TEN-T

BRUXELLES\ aise\ - La Commissione europea, in collaborazione con la Banca mondiale, ha presentato un nuovo piano d’azione indicativo per gli investimenti nella rete transeuropea di trasporto (TEN-T), che individua progetti prioritari in Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Repubblica di Moldova e Ucraina, per un investimento complessivo di quasi 13 miliardi di euro e un totale di 4800 chilometri di strade e ferrovie, 6 porti e 11 centri logistici.
"Il completamento del piano d’azione indicativo per gli investimenti nella rete TEN-T è un impegno comune ad ottenere risultati tangibili per i cittadini in tutta la regione”, ha spiegato il Commissario responsabile per la Politica europea di vicinato e i negoziati di allargamento, Johannes Hahn. “Il piano aiuterà i decisori a dare priorità agli investimenti strategici nelle infrastrutture di trasporto con l'obiettivo di completare la rete TEN-T, definita come uno dei 20 obiettivi per il 2020 nella dichiarazione congiunta dell’ultimo vertice del partenariato orientale tenutosi a Bruxelles".
Secondo la Commissaria per i Trasporti Violeta Bulc "una maggiore connettività dei trasporti sia nella regione del partenariato orientale che tra questa regione e l’UE ha il potenziale per rafforzare la crescita economica e creare opportunità di lavoro. Il piano servirà anche a sottolineare l’importanza della sicurezza stradale e delle soluzioni digitali nei nuovi progetti e ad allineare le norme di progettazione alle prassi vigenti nell’UE". (aise) 

Newsletter
Archivi