PLASTIC FREE: IN CONTINUA CRESCITA LE ADESIONI ALLA CAMPAGNA IN ITALIA

PLASTIC FREE: IN CONTINUA CRESCITA LE ADESIONI ALLA CAMPAGNA IN ITALIA

ROMA\ aise\ - Via la plastica dalle scuole di Bologna, dagli uffici del Comune di Genova e dalla Capitaneria di Porto di Portoferraio: in continuo aumento le adesioni alla campagna del Ministero dell’Ambiente, voluta dal ministro Sergio Costa sin dall’inizio del suo mandato, a partire dal giugno 2018. Il "virus" plastic free continua a diffondersi per l’Italia.
Numerosissimi i Comuni che hanno aderito, dal nord al sud Italia, da Torino a Siracusa a Porto Torres. Numerose le associazioni, le istituzioni come la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica, le università come la Sapienza di Roma e l’università degli Studi di Milano, gli enti parco come quello dell’Etna e quello del Cilento, i porti come quello di Pisa, per un totale di circa 250 adesioni.
La campagna del Ministero è aperta a chiunque voglia dare una mano alla tutela dell’ambiente e del mare: basterà inviare una mail all’indirizzo plasticfree@minambiente.it.
Naturalmente il Ministero è stato tra i primi a dare il buon esempio: dal 4 ottobre 2018 sono state eliminate le bottigliette di plastica, sostituite da borracce di alluminio distribuite a tutti i dipendenti e da erogatori di acqua alla spina. È stato evitato così l’uso di 100 mila bottigliette in dieci mesi.
Fino al 15 settembre proseguirà inoltre la seconda edizione della campagna estiva "#Io sono ambiente", organizzata dal Ministero in collaborazione con il Comando unità forestali ambientali e agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri e la Guardia Costiera. In località turistiche montane e marine, da Auronzo di Cadore (Bolzano) a Linosa (Agrigento), dal castello di Miramare a Trieste a San Vito Lo Capo (Trapani), l’imperativo è stato "evitiamo la plastica usa e getta".
"Liberiamoci dalla plastica" è l’invito costante del ministro Costa. "Ognuno di noi deve dare qualcosa a questo Paese. Le istituzioni devono dare il buon esempio, ma chiedo a ognuno di voi di fare la propria parte".
Vale la pena di ricordare che italiana è anche la prima Ambasciata al mondo plastic free. Nel mese di marzo è stato lo stesso ministro Costa ad inaugurarla ad Oslo insieme al sindaco della capitale norvegese Marianne Borgen. Tutto è avvenuto per tappe: dalla sensibilizzazione del personale e degli utenti per ridurre l'uso della plastica non indispensabile e per eliminare la plastica monouso all’impegno a verificare periodicamente la riduzione progressiva dell’utilizzo di contenitori di plastica, dal riciclo al 100% all’adozione del decalogo predisposto dal Ministero dell’Ambiente per la progressiva eliminazione delle plastiche.
L’iniziativa segue l’impegno della Farnesina, diventata anch’essa plastic free il 20 dicembre scorso. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi