SIRAGUSA (M5S): SUL REDDITO DI CITTADINANZA IL PD HA LE IDEE CONFUSE

SIRAGUSA (M5S): SUL REDDITO DI CITTADINANZA IL PD HA LE IDEE CONFUSE

ROMA\ aise\ - Deputata del Movimento 5 Stelle eletta in Europa, Elisa Siragusa rilancia oggi una nota in cui, il 23 gennaio scorso, contestava le posizioni espresse dal Pd sul reddito di cittadinanza.
“Prendiamo atto del fatto che il Partito Democratico sia totalmente in confusione. Un giorno infatti sostiene che il Reddito di Cittadinanza va abolito, organizzando addirittura una raccolta firme: in sostanza, il maggiore partito della cosiddetta sinistra vuole abolire una misura che aiuta le fasce più deboli della popolazione. Già questo ha dell'incredibile. Ma, come se non bastasse, il giorno dopo lo stesso PD sostiene che il Reddito di Cittadinanza va potenziato, ampliando la platea e togliendo il vincolo dei due anni di residenza continuativa. In poche parole, hai vissuto all'estero per 20 anni? Torna, e diamo il reddito di cittadinanza anche a te. Un atteggiamento incredibile”, si legge nella nota.
“È evidente che non abbiano ben capito le finalità di questa misura e ora stanno facendo soltanto una polemica strumentale, per ergersi a paladini degli italiani all'estero”, accusa Siragusa. “Ma è bene ribadire che il Reddito di cittadinanza non è una misura per incentivare il rientro degli italiani all'estero, ma per sostenere le famiglie che vivono sotto la soglia di povertà in Italia e accompagnarle nella ricerca di nuove opportunità lavorative. Voglio ricordare che anche per accedere al fallimentare Reddito di Inclusione del PD fu inserito il vincolo di residenza continuativa in Italia per 2 anni. Ovviamente, vogliamo anche riportare i nostri concittadini in Italia e lo stiamo già facendo con una politica forte di investimenti su imprese e innovazione”.
“Solo rilanciando l'economia del Paese potremo far tornare indietro tanti giovani che sono dovuti emigrare per trovare la propria strada. Ma il Reddito di Cittadinanza – conclude la deputata – è una misura essenziale per sostenere milioni di italiani abbandonati per anni dallo Stato”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi