CORONAVIRUS: LA COMMISSIONE UE PROPONE MISURE PER OFFRIRE SOSTEGNO E FLESSIBILITÀ AL SETTORE DEI TRASPORTI

CORONAVIRUS: LA COMMISSIONE UE PROPONE MISURE PER OFFRIRE SOSTEGNO E FLESSIBILITÀ AL SETTORE DEI TRASPORTI

BRUXELLES\ aise\ - La Commissione europea ha adottato ieri un pacchetto di misure per aiutare le imprese del trasporto aereo, ferroviario, marittimo e stradale ad affrontare le conseguenze della pandemia di coronavirus. Le misure alleggeriranno gli oneri normativi e ridurranno i costi delle imprese di trasporto e potrebbero essere seguite da ulteriori proposte nelle prossime settimane.
Come ha spiegato la commissaria per i Trasporti Adina Valean, le proposte della Commissione "recano modalità concrete per agevolare le operazioni quotidiane in tutti i modi di trasporto e dovrebbero anche consentire alle imprese del settore di iniziare a concentrarsi sulla loro necessaria ripresa".
Per il trasporto aereo, le misure agevoleranno i servizi di assistenza a terra e modificheranno le regole per il rilascio delle licenze ai vettori aerei in caso di problemi finanziari dovuti alla pandemia di coronavirus. Quanto ai porti, le autorità potranno decidere di rinviare il pagamento o di non riscuotere i diritti per l'utilizzo dell'infrastruttura portuale. Per il settore ferroviario, la Commissione propone di prorogare di tre mesi il termine entro il quale gli Stati membri devono trasferire alcune competenze, anche all'Agenzia dell'UE per le ferrovie. Per il settore dei trasporti su gomma, la Commissione ha approvato esenzioni temporanee dalle norme dell'UE sui tempi di guida e i periodi di riposo in vigore in vari Stati membri, senza compromettere la protezione dei conducenti e la sicurezza stradale. Infine, tutti i modi di trasporto beneficeranno di una proposta che consente l'estensione della validità di alcuni certificati e licenze, in quanto le misure sanitarie hanno reso difficile per alcuni operatori e lavoratori del settore completare le formalità previste dal diritto dell'UE.
Le proposte approvate ieri seguono una serie di misure che la Commissione aveva già adottato, ad esempio per garantire la protezione dei lavoratori dei trasporti, informare i passeggeri sui loro diritti e garantire il flusso regolare dei beni essenziali in Europa. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi