DA GIOVEDÌ LA NONA EDIZIONE DI “SHADE MED”

DA GIOVEDÌ LA NONA EDIZIONE DI “SHADE MED”

ROMA\ aise\ - Il 26 e 27 novembre l’Operazione EUNAVFOR MED IRINI ospiterà la nona edizione della Conferenza SHADE MED - “Shared Awareness and De-confliction for the Mediterranean Sea”, forum in cui rappresentanti di differenti nazioni e organizzazioni possono incontrarsi per discutere e relazionarsi su azioni politiche relative al Mediterraneo allargato.
Molto più di un semplice incontro internazionale, la conferenza SHADE MED è un forum dove tutti gli attori interessati si possono confrontare sui rispettivi compiti e obiettivi con lo scopo di ottenere un maggiore coordinamento e condivisione.
Tra le differenti organizzazioni si annoverano le Forze Armate e Guardie Costiere degli Stati che si affacciano sul Mediterraneo, le istituzioni internazionali come le Nazioni Unite, la NATO, l’Unione Europea e le ONG così come rappresentanti dei governi interessati.
SHADE MED si pone l’obiettivo di contribuire al coordinamento e alla sincronizzazione delle risorse in campo, siano esse militari, civili, industriali, politiche e umanitarie in modo da raggiungere la massima efficacia con il fine ultimo di aumentare la sicurezza e la stabilità nel Mediterraneo.
A causa delle restrizioni previste per combattere il Covid-19 SHADE MED 2020 si svolgerà in Video-Teleconferenza (VTC).
Il tema della conferenza di quest’anno è “Challenges for cooperation in the Mediterranean after the global pandemic”. L’obiettivo è incoraggiare i partecipanti ad una riflessione approfondita su quanto sta vivendo la regione in relazione alla pandemia in atto.
Le due intense giornate di confronto e scambio di idee saranno arricchite dalla presenza di relatori di alto livello che forniranno ai partecipanti spunti e prospettive di discussione durante i due panel in programma e i successivi gruppi di lavoro tematici virtuali.
Il primo panel intitolato “The Mediterranean region in 2020: a historical arena connecting three continents, and their population, striving for stability” sarà dedicato all’analisi di questo straordinario patrimonio marino cerniera tra diversi continenti, persone e culture, con le sue sfide e opportunità per la sicurezza e la stabilità.
Il secondo panel intitolato “The development of the blue economy of the Mediterranean is an inestimable possibility to solve many of the challenges and to improve the livelihood of the Mediterranean communities” invece affronterà le nuove sfide, soprattutto quelle dovute alla pandemia da Covid-19, che l’intera regione del Mediterraneo dovrà affrontare nel prossimo futuro, con particolare attenzione all’aspetto macroeconomico.
L’edizione 2020 dello Shade Med può contare in particolare sul supporto finanziario di Belgio e Grecia. I lavori dello SHADE MED si svolgono in lingua inglese.
Il programma della due-giorni è disponibile qui. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi